Teatro. Tornano le 'Consultazioni poetiche' al telefono

Tornano le ‘Consultazioni poetiche’ al telefono

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  In ottemperanza al recente decreto del Governo, la Fondazione Teatro della Toscana ha chiuso i propri spazi al pubblico ma le sue attività proseguono. Tra queste, riprendono le ‘Consultazioni poetiche al telefono’, forti del successo riscosso nei mesi del lockdown.

Sei attori italiani (Giulia Bianchi Weber, Carolina Pezzini, Francesco Gori e tre attori de iNuovi: Maddalena Amorini, Claudia Marino e Mattia Braghero), della ‘Grande Troupe de l’Imaginaire’ diretta da Emmanuel Demarcy-Mota, sono mobilitati in veste di ‘medici’, per offrire ogni giorno un ‘consulto’ a chiunque lo desideri. Dopo una breve ‘anamnesi’, l’attore/medico reciterà una poesia che si addica allo stato d’animo del ‘paziente’, una ‘cura per l’anima’ scelta da un ricettario poetico che gli attori stessi hanno costituito e via via aggiornato attingendo al repertorio letterario di tutto il mondo.

 

Le Consultazioni poetiche saranno eseguite gratuitamente dal lunedì al sabato, dalle 17 alle 19, fino al 19 dicembre. Ciascun ‘consulto’ avrà una durata di 10-20 minuti.

Per partecipare è necessario prenotarsi al link: https://bookeo.com/consultationspoetiques, dove, specificando fascia d’età (ci saranno anche consultazioni specifiche per 8/12 anni e 13/16 anni), telefono, mail, Paese e città, sarà possibile scegliere data, orario e lingua della conversazione.

Per ulteriori informazioni è attivo l’indirizzo e-mail consultazioni@teatrodellatoscana.it. L’iniziativa è in partenariato con il Théâtre de la Ville di Parigi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Sausan Khalil
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it