"Salvami" è il nuovo singolo di GionnyScandal

“Salvami” è il nuovo singolo di GionnyScandal

Il cantante con questo brano si libera finalmente da fardelli e inutili congetture, da ansie e molteplici paranoie che spesso l’hanno tormentato
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – GionnyScandal sta per tornare. Da venerdì 11 dicembre sarà disponibile in tutti i principali digital store “Salvami”, il nuovo singolo del cantante.

Il brano, scritto, prodotto e suonato dallo stesso Gionata Ruggieri, porta il cantante nella sua dimensione musicale perfetta, ovvero quella del pop punk, accompagnato dalla sua indelebile chitarra che più volte l’ha salvato nel corso della sua giovane carriera.

“Sono cresciuto con i blink 182, yellowcard, green day, sum 41, simple plan e altri gruppi sia pop punk che emo-core – dichiara GionnyScandal – Prima di fare rap ero il chitarrista e cantante in una band e ora finalmente, quando sono in studio, sono felice della musica che sto facendo, non che prima non lo fossi ma la mia vera identità è sempre stata questa”.

E sull’argomento aggiunge: “Forse il mercato non sarà dalla mia parte in quanto questo genere non è più mainstream da 10 anni ormai, ma ho deciso che preferisco stare bene mentalmente con me stesso e fare quello che prima di tutto amo di più. Mi mancava suonare la chitarra distorta, mi mancava scrivere senza filtri, anche se non di moda, GionnyScandal, quello vero, è questo”.

In “Salvami” Gionnyscandal si libera finalmente da fardelli e inutili congetture, da ansie e molteplici paranoie che spesso l’hanno tormentato. La canzone è una frizzante esplosione di elementi diversi in cui sonorità pop si mescolano perfettamente con l’emo – core e il punk elettrizzante scandito dal suono di una chitarra elettrica costantemente in levare.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it