Abbiamo molta paura delle reazioni di un nostro eventuale coming out…

Buongiorno sono una ragazza gay di 36 anni. Da un anno circa ho una storia con una mia collega di lavoro. Ci siamo conosciute in ufficio e da una bella amicizia è nato un intenso amore. Lei è più giovani di me di 7 anni e non aveva mai avuto esperienze omosessuali nella sua vita. Io sì, so di essere lesbica fin da quando ero piccola e ho avuto già varie storie omo negli anni. La mia compagna attualmente sta vivendo una crisi profonda perché so che mi ama e che vuole stare con me, a volte parliamo anche di convivenza sebbene sia relativamente da poco che stiamo insieme. Però lei non lo ha ancora detto ai suoi genitori, che mi considerano un’amica della figlia e basta. Passiamo la maggior parte del tempo insieme e forse loro hanno anche qualche sospetto, ma essendo una famiglia del sud piuttosto tradizionale non hanno mai affrontato il tema con lei. Un’altra grande difficoltà è il lavoro perché anche in questo caso abbiamo molta paura delle reazioni e delle conseguenze di un nostro eventuale coming out. È una situazione molto delicata e ci stiamo prendendo il tempo giusto per affrontarla, però vedo che lei comincia a perdere le speranze, si stanno creando malumori e tensioni tra noi che dipendono dalla situazione e ho paura che possa non reggere il peso di questa cosa e lasciarmi. Io sarei anche disposta ad allontanarmi da lei se questa cosa potesse aiutarla a capire o a stare meglio, ma quando gliel’ho detto si è disperata dicendo di non volermi perdere. So che ci amiamo, ma ho paura che il giudizio degli altri possa essere più forte di noi. Grazie per lo sfogo, aspetto una vostra risposta

Ragazza, 36 anni


Cara Ragazza, 
ci colpisce la tua lettera in cui ci esterni con grande vigore il sentimento verso la donna con cui hai intrapreso una relazione d’amore e al contempo il timore che il vostro coming out possa non ricevere il consenso e scontrarsi con il giudizio altrui.
Probabilmente quello che tu hai elaborato all’interno di un percorso maturativo che è iniziato presto, fatto di sensazioni, emozioni ed esperienze coerenti con quello che sentivi, adesso sta accadendo alla tua compagna in tempi e modalità diverse. Crediamo che ogni persona abbia una storia ed un percorso unico e irripetibile. 
Ci hai raccontato che la famiglia di lei è piuttosto tradizionale, questo forse non sta facilitando la sua apertura e le sta rendendo un po’ difficile il riuscire a trovare la strada migliore per esprimersi liberamente anche con loro.  
Il tuo tentativo di allontanarti per lasciarla libera di riflettere con se stessa sembra non sia la soluzione migliore ma un ulteriore fattore destabilizzante.
Possiamo comprendere il senso di solitudine e la molteplicità di dubbi che vi stanno attanagliando, ma ci sembra si capire che la strategia migliroe sia proprio quella di restare unite e complici anche in questo momento difficile e di passaggio. 
Forse sarà necessario restare in silenzio ancora per un po’ e rispettare i tempi dell’altro, ma quando la tua compagna si sentirà pronta, grazie anche alla tua forza e vicinanza, potrete superare ogni ostacolo. E’ importante proteggere la fiducia che riponete l’una nell’altra. Ripartite magari da qui. 
Non avere paura, continua a coltivare il tuo sentimento nella quotidianità, con un atteggiamento di calma e serenità, vedrai che i tempi fisiologici per affermarvi arriveranno spontaneamente. 

Speriamo di esserti stati di aiuto. 
Un caro saluto! 

9 Dicembre 2020