Oscar di Twitch: Fedez è lo Streamer Rivelazione dell’anno

A votare sono stati circa 40mila spettatori. Presente anche una giuria di qualità
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il 2020 sarà ricordato anche per la prima edizione (in digitale) degli Oscar di Twitch, piattaforma di livestreaming  targata Amazon.
L’evento, in cui sono stati premiati i migliori streamer italiani, è stato trasmesso sul canale di Homyatol (Andrea Hakimi), in diretta dal MOBA di Milano. La direzione artistica è stata affidata a Homy, affiancato nella conduzione da Panetty (Simone Panetti) e Enk.

A votare sono stati circa 40.000 spettatori, affiancati anche da una giuria di qualità, deputata all’assegnazione di un premio supplementare: un riconoscimento per chi, pur non essendo stato scelto dal pubblico, meritava comunque di essere menzionato. Tra le fila dei giurati, Ibob, Jumbodrillo, Daniele Battaglia e Tito.

Le candidature presenti sul form di Google della votazione, hanno subìto una scrematura prima della nottata di premiazioni: alla fine sono rimaste solo quattro nomination per ogni categoria. Sul form si poteva esprimere una sola preferenza attraverso il login del singolo utente, in modo tale da evitare brogli.

Il Miglior Canale per la categoria “Quattro Chiacchiere” è stato vinto da Dario Moccia, che si è aggiudicato anche altre due premi: la Migliore Chat e il Miglior Canale di Twitch. Homyatol si è
conquistato il Miglior Subreddit dedicato. E ancora: Miglior Canale per la categoria “Cibi e Bevande” per Luis Sal e Miglior Canale per la categoria “GTA V” per Panetty. Entrambi sono amici di qualcuno che però è decisamente più conosciuto: tra i candidati della categoria Streamer Rivelazione dell’anno è stato incoronato con 5.903 voti zedef e cioè, come è facilmente intuibile, il rapper Fedez.
Il cantante ha commentato con una storia sulla sua pagina Instagram: “Grazie amici del boomer”. Infatti, “Tana del boomer” è il nome che ha dato alla stanza dove si diletta a streammare a casa sua. Una stanza che sembra veramente quella di un adolescente nerd (se non fosse forse per i due computer super potenziati con sincronizzatori): ci tiene i suoi modellini da collezione e i cimeli del basket. Ma non fatevi ingannare: l’ha chiamata così per sottolineare la differenza d’età rispetto ai giovani della Generazione Z, frequentatori della piattaforma.

Fedez ha cominciato questo nuovo hobby con un profilo personale molto recente ed è stato accolto positivamente, con numeri notevoli: in poco più di un mese il suo canale aveva già raggiunto oltre i 200mila iscritti e i video hanno avuto picchi di oltre 400mila views, al secondo posto tra quelli con  la maggior crescita (ansa.it). Pontus Eskilsson, VP of partnership di Twitch ha dichiarato: “I suoi contenuti autentici e coinvolgenti lo rendono perfetto per la nostra community che ogni giorno si riunisce sulla piattaforma per seguire le proprie passioni e divertirsi”. Infatti, oltre a parlare dei suoi videogiochi preferiti, ospita personaggi per affrontare argomenti di attualità, per discutere di pop culture e di società. Talvolta tra gli ospiti c’è anche la sua coinquilina, la moglie imprenditrice digitale Chiara Ferragni, che si diverte a ridere quando lo sente suonare la chitarra.

Della piattaforma lui ha detto: “Quello che più mi piace di Twitch è il contatto diretto con chi segue le mie dirette, la possibilità di poter vedere la loro immediata reazione a quello che io propongo e la conseguente interazione sincera, senza distacco, spontanea. Proprio per questo quando sono in live mi sento libero di poter mostrare il lato più autentico di me, che mi aiuta a rilassarmi e staccare un po’ dalla realtà di oggi”. Ed è stato proprio attraverso Twitch che ha raccolto 5mila euro, poi donati in beneficenza qualche giorno fa.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Sausan Khalil
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it