'Rileggiamo l'articolo 34 della Costituzione', il concorso per gli studenti delle superiori

‘Rileggiamo l’articolo 34 della Costituzione’, il concorso per gli studenti delle superiori

A loro il compito di proporre idee di rinnovamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘Rileggiamo l’articolo 34 della Costituzione’. Si intitola così il concorso per scuole secondarie di secondo grado che invita studenti e docenti a riflettere insieme sullo scarto esistente tra il diritto-dovere all’istruzione, sancito dalla Costituzione, e fenomeni come l’abbandono scolastico, l’analfabetismo funzionale, la scarsa qualità dell’apprendimento, il crescente numero di NEET (Not engaged in Education, Employment or Training). A promuoverlo diversi enti e istituzioni: associazione ‘Articolo 21’, ministero dell’Istruzione, Federazione nazionale della stampa italiana, Associazione italiana costituzionalisti, Rai, Ordine nazionale dei giornalisti, Istituto italiano per gli studi filosofici, Accademia vivarium novum, Comitati regionali per la comunicazione (Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Sardegna, Trentino), Usigrai, Eurovisioni.

Gli studenti potranno disporre, sul sito web del concorso, di testi e audiovisivi utili ad approfondire dal punto di vista storico, filosofico, culturale ed economico questa “promessa non mantenuta della democrazia”, come scrisse il filosofo Norberto Bobbio, e quindi indicare i fattori, interni ed esterni alla scuola, che, a loro parere, incrementa le diseguaglianze sociali e pregiudica il diritto al pieno sviluppo della persona. Il concorso prende, infatti, le mosse dai risultati delle recenti rilevazioni dell’OCSE sull’educazione e l’apprendimento degli studenti italiani che hanno concluso la scuola dell’obbligo (16 anni). Ragazzi che comprendono solo approssimativamente un articolo di giornale e non sono in grado di riassumerlo, che sanno far di conto ma hanno lacune profonde nella matematica e nelle scienze. Significative disuguaglianze tra gli studenti delle scuole del Nord e quelle del Sud, tra i licei e le scuole tecniche e professionali, tra ragazze e ragazzi. Disparità che “tradiscono i principi di uguaglianza e il diritto all’istruzione sanciti dagli articoli 3 e 34 della nostra Costituzione- è l’opinione degli organizzatori, che commentano i risultati dell’indagine europea- un quadro preoccupante, che incide fortemente sulla loro capacità di affrontare e risolvere i problemi della vita quotidiana e di continuare ad apprendere in futuro”.

Una giuria composta da autorevoli giuristi, giornalisti, storici, filosofi e rappresentanti del ministero dell’Istruzione, dell’associazione ‘Articolo 21’, della Federazione Nazionale Stampa Italiana, dall’Associazione Italiana Costituzionalisti, della Rai, dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici e degli altri enti che promuovono il concorso, premierà il testo contenente le idee e le proposte più innovative. Testo che sarà proposto al ministero dell’Istruzione come contributo al rinnovamento della scuola pubblica. La scadenza per la consegna degli elaborati e altre informazioni sul concorso sono disponibili sul sito www.rileggiamolarticolo34.it.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it