Takagi & Ketra: "Venere e Marte è nata pensando alla voce di Mengoni"

Takagi & Ketra: “Venere e Marte è nata pensando alla voce di Marco Mengoni”

Ascolta il brano che vede anche il feat di Frah Quintale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Abituati alle grandi hit estive, Takagi & Ketra si lanciano in una dimensione più intima e pubblicano l’atteso singolo “Venere e Marte”, il brano che unisce le voci di Marco Mengoni e di Frah Quintale. Scritto da Federica Abbate e Cheope, “Venere e Marte” racconta di una storia d’amore indelebile e non convenzionale in pieno stile “Mengoni”. E non è un caso che il pezzo suoni esattamente come se fosse un inedito di un disco dell’ex X Factor.

Ecco come è nata “Venere e Marte”

“Abbiamo scritto questa ballad insieme a Cheope e Federica Abbate, sperimentando atmosfere per noi insolite – commentano Takagi & Ketra – e mentre la componevamo in studio abbiamo immaginato la voce di Marco Mengoni volare su queste melodie. A lui è piaciuta la canzone e siamo felici e orgogliosi di questa collaborazione. Come sempre ci piace mischiare le carte e abbiamo coinvolto Frah Quintale un amico e un artista che stimiamo molto. Due voci diverse che stanno benissimo insieme”.

Ho allacciato le mie scarpe solo per arrivare fino a te
Venere si unisce a Marte
Se alzi gli occhi al cielo
Certe storie brilleranno sempre ed altre te le dimenticherai
Ci sono cose che una volta che le hai perse poi non tornano mai
E se già ti dico “Porta le tue cose da me”
Non dirmi “È troppo presto” perché

[Ritornello: Marco Mengoni]
Io ti prometto
Che staremo assiemе senza cadere
E ogni mio giorno ti appartiеne
Ti prometto che
Inganneremo anche gli anni
Come polvere di stelle filanti
E sarà scritto in ogni testo
Che niente può
Cambiare tutto questo
Incancellabile
Ogni volta che
Mi guardi

[Strofa 2: Frah Quintale]
Posso farti mille promesse
O ingoiarle come compresse
E mandare giù queste parole
Senza neanche sentirne il sapore
Questo mondo da soli non è un granché
Sì, ma neanche in due
Però con te è un po’ meno buio
Anche quando il cielo è coperto di nuvole
E aspettavi smettesse di piovere
Ma sei rimasta tutto il giorno
Io speravo piovesse più forte
Perché è bello riaverti qui intorno
Certe storie diventano polvere
Non ti resta nemmeno un ricordo
Altre invece nonostante il tempo ti restano addosso

[Ritornello: Marco Mengoni]
Io ti prometto
Che staremo assieme senza cadere
E ogni mio giorno ti appartiene
Ti prometto che
Inganneremo anche gli anni
Come polvere di stelle filanti
E sarà scritto in ogni testo
Che niente può
Cambiare tutto questo
Incancellabile
Ogni volta che

[Bridge: Frah Quintale]
I tuoi occhi mi scavano dentro
Ti giuro, non posso nasconderti niente
Fai sembrare il mondo meno freddo
Mi fai perdere il senso del tempo
Non sono mai stato un libro aperto
Ma tu è come se mi avessi già letto
La risposta per tutte le cose che non ti ho mai detto

[Ritornello: Marco Mengoni]
Io ti prometto che
Ogni mio giorno ti appartiene
Ti prometto che
Inganneremo anche gli anni
Come polvere di stelle filanti
E sarà scritto in ogni testo
Che niente può
Cambiare tutto questo
Incancellabile
Ogni volta che
Mi guardi

[Outro: Marco Mengoni]
Ho allacciato le mie scarpe
Solo per arrivare fino a te

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it