Scuola, a Lodi studenti appendono lenzuola di protesta alle finestre di casa

Iniziativa del liceo Maffeo Vegio: "Vogliamo tornare a scuola"

ROMA – “Qui abita uno studente che vuole tornare a scuola”. Questa scritta è apparsa su alcuni balconi delle abitazioni della città. A metterli sono gli studenti del liceo Maffeo Vegio di Lodi che attraverso i social hanno lanciato una campagna con l’invito a realizzare cartelli e striscioni da mettere alle finestre. L’iniziativa di sensibilizzazione per tornare a scuola, in presenza, è stata presentata attraverso Instagram e il profilo “Maffeovegiosiamonoi”. 

Una manifestazione organizzata dai rappresentanti degli studenti che trova l’appoggio anche dei professori. I ragazzi sono convinti che a distanza le lezioni si riducono, prevalentemente, a dei monologhi. Gli studenti denunciano di non avere un’attenzione continua e costante per sei ore di fila, davanti a uno schermo.

A marzo scorso con i rappresentanti d’istituto di tutta Italia, i lodigiani avevano realizzato un video nel quale esortavano gli studenti a non uscire e a rispettare le regole. Ora stanno pensando di realizzarne un altro per appellarsi a chi Governa per tornare in classe. Secondo il rappresentante degli studenti Sasha Zanoni  non è stata presa in considerazione a sufficienza l’idea di tornare a scuola in presenza.

Secondo gli studenti il pericolo sta nei mezzi pubblici. Restano i problemi di tutti i giorni con la didattica a distanza: gli occhi fanno male, la schiena duole, la connessione va e viene, i prof non sempre rispettano gli orari, i compiti sono tanti, gli alunni sono stressati.

2021-04-29T17:49:36+02:00