La Ducati in MotoGp fino al 2026. Firmato l'accordo con la Dorna

La Ducati in MotoGp fino al 2026. Firmato l’accordo con la Dorna

La scuderia di Borgo Panigale rimarrà nella classe regina per altri 5 anni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La Ducati correrà in MotoGP almeno fino al 2026. La scuderia di Borgo Panigale ha infatti firmato un accordo con la Dorna per il prolungamento della permanenza nella classe regina per altri 5 anni. Fin dal suo debutto in MotoGP, la Ducati ha confermato il suo ruolo da protagonista, vincendo il primo GP dopo sei corse, con Loris Capirossi, e poi i titoli mondiali costruttori, piloti e team nel 2007 con Casey Stoner. Lo scorso anno ha portato a casa anche il titolo mondiale costruttori.

“Le corse sono da sempre una parte veramente fondamentale della marca Ducati- le parole di Claudio Domenicali, CEO di Ducati Motor Holding, diramate nella nota di oggi- E lo rimarranno anche nel futuro. Rappresentano un modo per alimentare la passione e il tifo dei Ducatisti di tutto il mondo. Ma anche un laboratorio di ricerca avanzata, la palestra dove facciamo crescere i giovani ingegneri. Questo rinnovato accordo è una conferma che la pista e le moto ad alte prestazioni rimangono per Ducati un elemento centrale“.

Carmelo Ezpeleta, invece, ha detto come Dorna Sports sia “orgogliosa di poter continuare la sua partnership con Ducati. E ringrazia l’azienda italiana per aver confermato la fiducia nel campionato. Siamo onorati di aver potuto accompagnare Ducati nel suo percorso ricco di successi. Non vediamo l’ora di condividere insieme questo nuovo capitolo della sua storia, con due promesse come Jack Miller e Pecco Bagnaia. Il potenziale e il talento di questi due giovani piloti sarà sicuramente uno degli aspetti più interessanti del Mondiale MotoGP 2021“.

Nella nota anche le parole di Luigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse: “Negli ultimi anni la Desmosedici GP ha dimostrato di essere una delle moto più competitive in griglia. Il titolo costruttori 2020 ne è un’ulteriore dimostrazione. Anche se quest’anno il regolamento non permetterà grandi sviluppi tecnici, affronteremo la stagione 2021 con la stessa passione e dedizione. L’obiettivo è lottare per il titolo MotoGP con i nostri piloti e preparare le basi per il nostro impegno futuro nel Campionato”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Sausan Khalil
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it