Scuola. Lazio, studenti sotto la sede della Regione: “Ascoltateci”

"DAD insufficiente, ma non ci sono le condizioni per riaprire"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Dopo l’occupazione del liceo ‘Kant’ di Roma e i numerosi scioperi bianchi, continuano le proteste degli studenti romani che questa mattina hanno manifestato in piazza del Campidoglio e sotto la sede della Regione Lazio. A sostenere la protesta davanti al palazzo della Regione, sono gli studenti dell’associazione apartitica ‘Rappresentanti Indipendenti’, che chiedono “di essere ascoltati. Ci sentiamo abbandonati a noi stessi, siamo l’ultima ruota del carro”, commenta Valerio, rappresentante dell’istituto ‘Margherita di Savoia’ di Roma.
“Vogliamo essere presi in considerazione su trasporti e sicurezza a scuola. Il nostro scopo è proteggere l’istruzione- continua Valerio- siamo scesi in piazza perché vediamo un totale menefreghismo da parte delle istituzioni. Questo rientro è stato organizzato in fretta, i mezzi non sono stati potenziati e non ci sono le condizioni di sicurezza per riaprire”.

Durante il sit in, un rappresentante dell’associazione è stato convocato dai funzionari della Regione. Intanto, davanti al piazzale, gli studenti espongono striscioni con scritto “sicurezza e dignità per le scuole di questa città”. “La didattica a distanza è una misura emergenziale, ma finché non ci sarà sicurezza promuoviamo e chiediamo di fare ricorso alla Dad”, aggiunge Valerio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it