Nek a Verissimo: "Mi sono tagliato la mano, rischiavo di morire"

Nek a Verissimo: “Mi sono tagliato la mano, rischiavo di morire”

Nel salotto di Silvia Toffanin il cantante racconta l'incidente che
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Mi sono tagliato la mano con una sega circolare in un momento di distrazione. Tutte le dita sono rimaste danneggiate ma, in particolare, l’anulare è quasi saltato via e il dito medio per metà, ma  dopo oltre undici ore d’intervento sono riusciti a salvarmi la mano”.
Così Filippo Neviani, in arte Nek, racconta a Verissimo del suo brutto incidente domestico avvenuto lo scorso autunno.

Il cantante stava armeggiando con una sega circolare quando si è ferito gravemente la mano. Solo nella sua casa di campagna ha avuto il sangue freddo di correre in ospedale, perché “se fossi rimasto più del dovuto nella mia casa in campagna, in attesa dei soccorsi, nel peggiore dei casi sarei morto dissanguato, nei migliori avrei perso i sensi. Invece, ho avuto il sangue freddo di prendere l’auto e di guidare fino al Pronto Soccorso di Sassuolo”.

L’intervento è riuscito, e dopo la degenza in ospedale, durante la quale ammette di essersi lasciato andare più di una volta al pianto, ha iniziato una faticosa riabilitazione. “Mi sento come un bambino, perché riprendo un po’ di mobilità della mano ogni giorno. Ho ancora dei momenti di sconforto, soprattutto alla mattina, perché rimettere in moto la mano è molto fastidioso e poi, per me che non ho pazienza, è una prova ancora più dura”.

Nek ha raccontato di aver superato questo momento difficile grazie al conforto della famiglia, senza la quale “sarei caduto in depressione, sarebbe stato tutto più complicato”.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Nek Filippo Neviani (@nekfilipponeviani)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it