Le ragazze di GCIB raccontano

Le ragazze di GCIB raccontano

L’evento digitale durante il quale le allieve di sei scuole secondarie di secondo grado ed extra-scuola racconteranno il loro percorso creativo e di scoperta all’interno di Girls Code it Better
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  “Le ragazze di Girl Code Better raccontano”, l’hanno intitolato così l’evento digitale di sabato 13 febbraio durante il quale le allieve di sei scuole secondarie di secondo grado ed extra-scuola racconteranno il loro percorso creativo e di scoperta all’interno di Girls Code it Better. Aspettando il grande evento finale che si terrà ad aprile, le ragazze dei club delle superiori si confronteranno dalle 15 alle 17.30.

Le scuole coinvolte sono il liceo “Minghetti” e “Sabin” di Bologna; l’istituto “Costanzo” di Decollatura; l’istituto “Rambaldi” di Lamezia Terme; il liceo “Gioia” di Piacenza e il comune di Arzignano. A dare supporto all’iniziativa il programma prevede anche delle autorevoli ospiti. Per introdurre il tema, le narrazioni dei club saranno introdotte dalle esperienze di Costanza Turrini, ideatrice e project manager di Gcib; Jessica Redegheri, coordinatrice e content creator; Marinella Levi, fondatrice del + Lab e docente del politecnico di Milano; Simona Maiorano, sviluppatrice indipendente e Carmen Agnese Santoro, junior full stack developer.

Sostenuto da Officina Futuro Fondazione MAW, Girls Code it Better è il programma nato per avvicinare alla tecnologia le alunne delle scuole secondarie di primo e secondo grado attraverso laboratori di progettazione, di programmazione informatica e fabbricazione digitale. Nel 2020 si è svolta la settima edizione e dall’inizio del programma Gcib che ha coinvolto 900 ragazze in tutta Italia e 53 scuole. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it