Sono una ragazza di 14 anni e sono molto arrabbiata con mio padre…

Cari Esperti,
sono una ragazza di 14 anni e sono molto arrabbiata con mio padre. É andato via di casa per poter vivere con una donna la quale ha già tre figli avuti con un altro uomo. Loro possono stare sempre con mio padre, mentre io non lo vedo mai e vivo solo con mia madre la quale fa di tutto per me. Inoltre quelle poche volte che lo vedo, non ha mai voglia di fare niente e io mi sono stufata di questa condizione. Infatti ho deciso di interrompere i rapporti con lui e per questo quasi tutte le notti piango, senza farmi sentire da nessuno. Sto molto male in questo periodo, non so con chi parlare, pensavo di recarmi dalla psicologa dello sportello d’ascolto a scuola. Mi garantite che viene mantenuta la privacy?

Anonima, 14 anni


Cara Anonima,
comprendiamo quanto possa mancarti tuo padre e provare delusione per il non riuscire a vivere dei momenti intensi e spensierati con lui. Interrompere bruscamente i rapporti con lui probabilmente farà soffrire entrambi, come ci racconti tu stessa non vivi questa decisione con serenità e probabilmente sarebbe un ulteriore ferita e privazione per te. Hai provato a parlargli sinceramente? Dirgli che hai bisogno di lui nonostante abbia deciso di lasciare tua mamma?
La separazione di due genitori non dovrebbe compromettere ed incidere totalmente sul rapporto con i figli e forse sarebbe importante che tu riuscissi ad esprimergli questa riflessione attraverso il tuo sentire e le tue parole spontanee. La possibilità di recarti dalla psicologa dello sportello d’ascolto a scuola ci sembra un’ottima idea per affrontare questo tema.  Il servizio di ascolto psicologico a scuola avviene nel rispetto della privacy e della riservatezza,  solitamente viene chiesta un’autorizzazione ad inizio del progetto ai genitori e poi i ragazzi sono liberi di recarsi allo sportello senza dover per forza avvisare i loro genitori, ma dipende dalla modalità scelta dalle scuole, potresti quindi prendere informazioni su come funziona lo sportello nella tua.
Ci sembra importante che non ti faccia totale carico di questa situazione ma che tu possa sentirti libera di esprimere la tua sofferenza a dei riferimenti adulti. 

Se dovessi avere dei dubbi non esitare a scriverci nuovamente. 
Un caro saluto! 

12 Febbraio 2021