Lazio Sound. Il 20 febbraio è festa con i nuovi musicisti under 35

Lazio Sound. Il 20 febbraio è festa con i nuovi musicisti under 35

Una maratona musicale in streaming con i finalisti delle II edizione di Lazio Sound Scouting e le incursioni di Populous, Mydrama, Piotta e altri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Roma – Per conoscere le nuove leve della musica (under 35) cliccare Lazio Sound Scouting. Il contest, voluto dalla Regione Lazio – Dipartimento per le Politiche Giovanili – si è chiuso il 25 novembre 2020 dopo aver registrato un numero importante di partecipazioni: 822 iscritti e 1400 artisti coinvolti.

Così sabato 20 febbraio è festa e, a partire dalle 16.30, dallo Spazio Rossellini di Roma, verrà trasmessa – in diretta streaming sui canali ufficiali facebook e youtube della Regione Lazio – la maratona musicale che vedrà protagonisti i finalisti della II edizione di Lazio Sound Scouting. Un evento con le incursioni musicali di artisti affermati come Populous, Mydrama, Piotta, Roberto Gatto, Andrea Obisio e con la partecipazione speciale di Valerio Lundini e i Vazzanikki.

Piotta

I finalisti

Sono quindici in tutto i finalisti di Lazio Sound Scouting, tre per ognuna delle cinque sezioni. Saranno invece venti le esibizioni che precedono la proclamazione di un vincitore per ogni categoria e di un vincitore assoluto, che si aggiudicherà la produzione di un intero album.

Il programma della diretta

I primi a esibirsi saranno i tre musicisti selezionati per la categoria God is a producer, dedicata alla musica elettronica. Padrino dei giovani artisti sarà Populous. Subito dopo saliranno sul palco i finalisti di Jazzology, la categoria dedicata al jazz, al blues, al soul e al funky. A fare da testimonial sarà il batterista e compositore di fama internazionale Roberto Gatto. A seguire, le esibizioni dei finalisti di I love Mozart. Nume tutelare della sezione riservata alla musica classica, l’enfant prodige del violino Andrea Obiso, a soli 26 anni Primo Violino dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.  Dopo i suoni classici, a impadronirsi della scena saranno i giovani artisti della categoria Urban King, dedicata all’hip hop e alla trap che verranno affiancati da una vera icona storica della scena, Tommaso Zanello, da tutti conosciuto come Piotta. La programmazione della maratona musicale si chiuderà infine con i finalisti di Songwriting Heroes, la sezione che esplora le mille derivazioni del nuovo cantautorato, fra pop, indie, folk e reggae. Un finale che vedrà la performance anche della novità esplosiva della musica italiana, fra i finalisti di X Factor 2020, Mydrama.

La giuria

Le esibizioni saranno valutate dalla giuria di qualità che in questi mesi ha valutato le candidature e selezionato gli artisti giunti in finale. Per la musica elettronica: il dj e producer Claudio Coccoluto, Donato Dozzy e Andrea Esu, direttore artistico di Spring Attitude. Per Jazzology Mario Ciampà, direttore artistico del Roma Jazz Festival e il musicista Ainè, fra i migliori esponenti della scena nu soul in Italia. Per I love Mozart Andrea Lucchesini, direttore dell’Accademia Filarmonica Romana e la pianista Silvia Cappellini Sinopoli mentre di Songwriting Heroes si occuperanno il musicista Roberto Bob Angelini e Gianmarco Dottori, cantautore e animatore di Spaghetti Unplugged. Per Urban King, infine, infine, Ice One, nome culto della scena musicale e artistica internazionale; il producer Drone126 della crew 126 e Matteo Lalli, promoter e ideatore di Smash, uno dei party da club più seguiti della Capitale.

Non sarà però solo la giuria di qualità a decretare il vincitore di questa seconda edizione di Lazio Sound Scouting. Durante la diretta anche il pubblico da casa potrà esprimere la propria preferenza votando direttamente sul sito della Regione Lazio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it