All’istituto De Pace di Lecce incontri d’arte con la Fondazione Visentini

Il condirettore scientifico: "Ripartire dai giovani per valorizzare territorio"

ROMA – “Da tempo stiamo rilevando due tendenze nei giovani: si orientano verso professioni di autoimpiego e cercano lavoro spesso fuori dalla propria città d’origine. Per dare risposta a questo problema, pensiamo che sia importante monitorare e valorizzare tutte le iniziative che portino i nostri giovani a comprendere l’identità culturale e territoriale della città in cui abitano”.

Luciano Monti, condirettore scientifico della Fondazione Bruno Visentini, presenta così il progetto ‘Incontri d’arte’, che sarà sviluppato assieme all’istituto ‘De Pace’ e all’agenzia Dire.

“Da quest’anno abbiamo un osservatorio sul patrimonio culturale privato che ha una sezione dedicata al mondo della scuola: abbiamo l’obiettivo di promuovere e rinnovare la cultura presso gli istituti di tutto il Paese- ha spiegato Monti- Coinvolgere i giovani è importante perché il futuro è loro. L’idea di poter perdere la nostra più giovane generazione lasciando che vadano all’estero è inaccettabile”.

Il progetto ha infatti l’obiettivo di fare crescere nei giovani una conoscenza attenta e consapevole del territorio, sviluppando nei ragazzi l’appartenenza al luogo in cui vivono.

“L’identità culturale, paesaggistica e storica è un attrattore che può far capire ai nostri giovani che vale ancora la pena lavorare nel nostro Paese”, ha concluso Monti.

2021-02-17T10:33:29+01:00