Coca Cola vicina alla svolta ‘green’: in arrivo bottiglie di carta e legno

Il famoso marchio di bevande è al lavoro per abbandonare le confezioni di plastica e sostituirle con quelle in fibre naturali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un packaging innovativo e rispettoso dell’ambiente. E’ quanto sta pensando già da tempo Coca Cola, che sul profilo twitter ha presentato un nuovo prototipo di bottiglia fatto di carta.

Il contenitore è il frutto della collaborazione tra i laboratori di ricerca e sviluppo di Bruxelles del marchio di bevande e la start up danese Paboco (The Paper Bottle Company). Il prototipo attuale è composto da un involucro di carta e un rivestimento di plastica riciclabile. Lo scopo è quello di rendere 100% green la nuova bottiglia, per renderla interamente riciclabile nella carta. E la tecnologia sviluppata da Paboco ha questa potenzialità: creare contenitori riciclabili in legno da fonti sostenibili, con un involucro in materiale biologico adatto a contenere bevande.

Il futuro di Coca Cola

Per valutare le risposte del nuovo packaging, in termini di performance e di apprezzamento dei clienti, nell’estate 2021 in Ungheria verranno consegnate a 2000 persone i prototipi della bevanda vegetale ‘Adez’ da 250 ml, fatti al 100% di carta.

Quello del nuovo packaging rientra nella visione più ampia e ambiziosa del marchio, intitolata ‘World Without Waste’, i cui obiettivi sono spiegati sul sito di Coca Cola: “Introdurre sul mercato confezioni solo 100% riciclabili entro il 2025 – e in Italia tutti i nostri pack sono già 100% riciclabili in anticipo rispetto agli impegni assunti a livello globale – ed entro il 2030, per ogni bottiglia o lattine vendute, indipendentemente da chi verrà prodotta, favorirne la raccolta e il riciclo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Sausan Khalil
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it