Rete Nazionale Scuole Smart: al via con la prima assemblea

Preside Iaconianni: "Successo inaspettato, inizia cammino della speranza"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Si è tenuta, online, sabato 27 febbraio la Prima Assemblea della Rete Nazionale Scuole Smart (RNSS) che ha come scuola capofila il liceo classico ‘Telesio’ di Cosenza. “I sistemi di gestione dell’incontro sono stati decisamente innovativi, con una sapiente regia curata dalla scuola capofila e con votazioni virtuali e sistemi di partecipazione alle decisioni da parte dei partecipanti che si sono avvalsi di ausili altamente tecnologici propri di un’assemblea che nasce in un contesto antesignano e proiettato alla valorizzazione delle opportunità offerte dall’informatica applicata alla gestione del lavoro”, scrivono gli organizzatori in una nota.

Gli oviettivi della rete- proseguono nella nota- sono la diffusione dello smart working nel mondo dell’istruzione oltre alla Dad e Ddi; condividere con le Scuole della Rete obiettivi strategici, metodologie, e promuovere attività di ricerca-azione; collaborare alla progettazione e allo sviluppo di un Portale della ‘Rete Nazionale Scuole Smart’; realizzare un Osservatorio della Scuola Smart per la raccolta di informazioni e monitoraggio; promuovere attività o laboratori di ricerca e formazione; promuovere e pubblicizzare le buone pratiche. Hanno partecipato dirigenti e docenti provenienti da ogni parte d’Italia, per un’iniziativa che è un cantiere per le sfide che aspettano la scuola che verrà. E’ stato eletto il Comitato di Presidenza del quale faranno parte: oltre ad Antonio Iaconianni i ds Tiziana Sallusti, Elisa Colella, Anna Tarallo e Francesca Spampani. Durante i lavori è stata, poi, eletta la Cabina di Regia, composta dai seguenti rappresentanti su base regionale: per il Piemonte, Graziella Ventimiglia; per la Lombardia, Chiara Lanzani; per il Veneto, Maurizio Curcio; per il Lazio, Tiziana Sallusti; per la Campania, Adriana Mincione; per la Puglia, Alba de Cataldo; per la Calabria, Antonio Iaconianni; per la Sicilia, Elisa Colella; per la Sardegna, Francesca Spampani. Inoltre l’Assemblea ha deliberato che la Conferenza Annuale 2022 si terrà nella città di Catania.

L’incontro è stato presieduto e moderato da Antonio Iaconianni, dirigente del Liceo Classico ‘Telesio’, che al termine ha dichiarato: “Stasera ho percepito grande entusiasmo, e non nego una certa emozione. Sono certo che già da domani avremo altre adesioni ad una Rete che vuole essere soprattutto un’opportunità per lavorare in sinergia dal Piemonte alla Sicilia e per far si che la scuola non si limiti ad inseguire la modernità, ma possa, come mi piace ripetere, concretamente anticipare il futuro. Ringrazio tutti i partecipanti che con la loro adesione sono segno di speranza per la scuola di domani”. “Il mondo della scuola– ha continuato il preside- ha il dovere di sposare le buone pratiche legate allo smart working: occorre una nuova leadership che lavori per obiettivi e che tenga conto delle problematiche ambientali. Sono sempre più convinto che sia vietato tornare indietro, ma che noi operatori dell’istruzione abbiamo il dovere, verso i nostri figli, verso le giovani generazioni, di guardare avanti. Lo smart working è anche e soprattutto razionalizzazione del lavoro, raggiungimento degli obiettivi con percorsi più veloci e più concreti e contributo alla sostenibilità ambientale, un tema che abbiamo visto sta tanto a cuore al Presidente Draghi”.

“In questa Assemblea Nazionale- ha concluso Iaconianni– ho toccato con mano che una scuola nuova è possibile, anzi, già esiste e siamo certi che da domani grazie al contributo di tutti potremo confrontarci con il ministero per far si che da una scuola smart possa nascere una scuola che sia nuova non solo nei termini, ma particolarmente nella sostanza, una scuola che possa essere luogo di formazione al passo con i tempi e non fuori contesto. E’ questo quello che si aspettano i nostri docenti, è questo quello che si aspettano i nostri studenti con le loro famiglie, è questo quello che merita il nostro Paese”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it