VIDEO| Sanremo 2021, Achille Lauro bacia Boss Doms e canta con Fiorello

L'artista ha (ri)portato sul palco i brani sanremesi 'Rolls Royce' e 'Me ne frego'

SANREMO – Dissacrante, libero e fuori da ogni schema possibile ed immaginabile. Achille Lauro continua a stupire, sconvolgere e a tenerci incollati sul divano. Per il quarto quadro ha deciso di portare sul palco dell’Ariston le sue Rolls Royce (in gara a Sanremo 2019) e Me ne frego (in gara a Sanremo 2020). 

Lauro ha fatto il suo ingresso con un abito bianco quasi angelico sulle note dell’Inno di Mameli con la bandiera tricolore in mano. Ad attenderlo in fondo alla scalinata Boss Doms – con il quale ha fatto coppia nella musica fino allo scorso hanno – con il velo da sposa. È partita la marcia nuziale, Lauro ha alzato il velo a Boss e lo ha baciato. Poi il brano Me ne frego. Nel quadro di Achille anche Fiorello, come aveva promesso. I due hanno cantato Rolls Royce. Un esibizione da urlo!
 
SANREMO 2021, ACHILLE LAURO RACCONTA IL QUADRO

“Sono il Punk Rock. Icona della scorrettezza.  Purezza dell’anticonformismo. Politicamente inadeguato. Cultura giovanile. San Francesco che si spoglia dai beni, Elisabetta Tudor che muore per il popolo. Giovanna D’Arco che va al rogo. Prometeo che ruba il fuoco agli dèi. Sono un bambino con la cresta. Un uomo con le calze a rete, Una donna che si lava dal perbenismo e si sporca di libertà. Sono l’estetica del rifiuto. Il rifiuto dell’appartenenza ad ogni ideologia. Sono Morgana che tua madre disapprova. Contro l’omologazione del ‘si è sempre fatto così’. Sono Marilù. Dio benedica chi se ne frega”.

SANREMO 2021, IL VIDEO DELL’ESIBIZIONE DI LAURO

2021-03-05T23:54:12+01:00