La scuola prima di tutto a Fiera Didacta Italia fino al 19 marzo

Un palinsesto di 647 eventi fra seminari, convegni, webinar e workshop immersivi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Si è aperta la quarta edizione di Didacta Italia che fino a venerdì 19 marzo sfodera sul web un palinsesto di 647 eventi fra seminari, convegni, webinar e workshop immersivi e  un centinaio di aziende leader del comparto in Italia.

Dopo il saluto via streaming del Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi e l’intervento di Vincenzo Zara in rappresentanza del Ministero dell’Università e Ricerca, Lorenzo Becattini presidente di Firenze Fiera ha dichiarato: ““Il tema della scuola in questo particolare e delicato momento storico ha una sua importante centralità e Didacta rappresenta un grande evento al servizio del nostro Paese. Aggiungo che come Firenze Fiera stiamo lavorando per poter salvaguardare le nostre attività e padiglioni. Colgo questa occasione per rivolgermi al Parlamento e al Governo affinché vengano predisposte misure consistenti per poter proseguire la nostra attività e portare avanti quegli interventi sugli immobili necessari per poter contare su una struttura all’avanguardia, pronta per la ripartenza”.

“Credo molto nel binomio tra Firenze e Didacta – ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella – anche perché lo sforzo mio e della mia amministrazione è posizionare Firenze tra le prime grandi città del mondo capitali della conoscenza e della formazione. Anche la presenza di Indire dimostra che Firenze ospita Istituzioni di livello nazionale e di eccellenza”. “La pandemia ci ha permesso di comprendere una volta di più il valore dell’educazione – ha continuato il sindaco – e se non vogliamo sprecare la crisi, dalla quale abbiamo imparato molto, dobbiamo sfruttarla come straordinaria opportunità per innovare il campo della scuola e della formazione. E Didacta può essere la chiave di lettura di come questa emergenza pandemica diventi l’elemento scatenante di una sfida dell’innovazione”.

“Ho sempre salutato Fiera Didacta come un luogo di socialità – ha affermato il presidente della regione Toscana Eugenio Giani  come un’opportunità per il mondo dei docenti di vivere un importante scambio di esperienze e di arricchimento sui temi della didattica innovativa. Mi preme ricordare che in Toscana la scuola è al centro della nostra politica e non posso che salutare con positività il comitato scientifico, gli organizzatori e gli espositori per l’impegno che hanno messo in un momento così particolare, realizzando questa edizione di Fiera Didacta online”.

“Quello che stiamo vivendo, a causa della pandemia, ha accelerato un processo di innovazione nella scuola, introducendo in modo obbligato nuovi linguaggi – ha dichiarato Giovanni Biondi presidente di Indire. Siamo di fronte ad una trasformazione del modello scolastico e Didacta rappresenta il punto di incontro di tante realtà istituzionali e scientifiche, che lavorano tutte nella stessa direzione: costruire la scuola del futuro, una scuola che ancora non c’è. Per questo è importante ragionare in modo diverso sull’organizzazione degli spazi, sul tempo della scuola, sulle tecnologie e sulle metodologie. Didacta è nata con questo intento, mettere insieme le conoscenze e di permettere alle aziende di far conoscere i propri prodotti innovativi e tutto il know how che siamo in grado di raccogliere e presentare alla scuola”.

Fra gli appuntamenti di domani (mercoledì 17 marzo), da non perdere l’intervento della virologa e direttrice del Centro di eccellenza One Health dell’Università della Florida Ilaria Capua che alle ore 11,00 con Marco Cattaneo, Direttore di Le Scienze e National Geographic, presenterà il suo nuovo libro “Il viaggio segreto dei virus”, un modo efficace per accompagnare i ragazzi delle scuole in un singolare viaggio alla scoperta di quegli 11 virus che nel corso del tempo hanno cambiato la storia dell’uomo. 

Alle ore 17, in campo, alcuni fra i più noti esperti internazionali che affronteranno il tema sulla relazione fra architettura e pedagogia nell’evento Ambienti di apprendimento e nuove sfide fra pedagogia e architettura (Learning environments and new challenges between pedagogy and architecture) illustrando casi virtuosi di progettazione di scuole che mettono al centro degli spazi la visione educativa e le progettualità didattiche dei docenti, così da dare vita ad ambienti funzionali allo svolgimento contemporaneo di attività di gruppo, esplorative, individuali e informali, in linea con il “Manifesto 1+4 delle architetture scolastiche” sviluppato da Indire.

DIDACTA GREEN è l’area della mostra interamente dedicata all’educazione ambientale e alla difesa del pianeta, all’economia circolare e all’innovazione green con incontri, workshop e buone pratiche, realizzata insieme a Legambiente e Kyoto Club con il sostegno del Conou e di Ecopneus.

Si parte domani (mercoledì 17 marzo) alle ore 10 con ‘Green jobs: le opportunità per le competenze verdi’, un workshop con Lorenzo Barucca – Responsabile Economia civile Legambiente e progetto Ecco – Economie Circolari di Comunità, Marco Gisotti GreenFactor e Ester Graziano – LVIA , Metti in Circolo il cambiamento – per conoscere e orientare gli studenti sui lavori del futuro che sempre più richiederanno competenze verdi.

Alle 11 spazio al live social su Twitch “Imparare giocando: la gamification per parlare d’ambiente a scuola” promosso dal Conou. Un incontro che unisce educazione, divertimento e innovazione, reso possibile da Green League: l’App che ci fa confrontare con influencer e gamer e insegna le buone pratiche ecologiche divertendo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it