Vedo che sta perdendo l’entusiasmo, sembra annichilito…

Io non so più cosa fare, non voglio lasciare andare mio figlio adolescente in questo oblio.

Cari esperti, sono molto preoccupata per mio figlio che frequenta il primo anno del liceo linguistico. Vedo che sta perdendo l’entusiasmo, sta perdendo la voglia, sembra annichilito in questa situazione. Io non so più cosa fare, lui non vuole andare dallo psicologo scolastico ed io non posso e non voglio lasciare andare mio figlio adolescente in questo oblio.
Cosa mi suggerite di fare?

Mamma


Cara Mamma,
comprendiamo la forte preoccupazione che avete per vostro figlio.
Questa pandemia persistente sta mettendo tutti a dura prova, a volte ricordare che in questo momento si è tutti esposti allo stesso rischio e paure può essere di conforto nel sentirsi meno soli. Comprendiamo benissimo la situazione che sta vivendo vostro figlio e sappiamo come, da parte dei genitori, sia difficile riuscire in un certo qual modo ad aiutarlo. Come lui molti giovani vivono uno stato di grande smarrimento, stanchezza in un periodo della crescita che invece dovrebbe esser contrassegnato da serenità, spensieratezza ma soprattutto dalla continua progettualità. Non avere mai delle informazioni precise ma aggiornarsi ogni giorno e settarsi su queste regole implica uno sforzo importante e spesso la chiusura sembra essere la risposta meno faticosa.
Sembra di non avere il controllo su nulla ma è importante mantenere dei piccoli obiettivi che mettono in moto i ragazzi e alimentano un loro movimento. Magari potrebbe essere utile fare
programmi a breve termine e progettare cose realizzabili nel qui e ora, questo permetterebbe di sentirsi meno frustrati e non in balia degli eventi.
Immaginiamo anche quanto l’aspetto relazione sia stato alterato, iniziare un nuovo ciclo scolastico ma non avere la possibilità di conoscere i propri compagni di creare un gruppo classe più o meno coeso e stabile. Così come la dad se in alcuni casi abbassa l’ansia di prestazione in altri alimenta la difficoltà di concentrazione e si diventa sempre meno motivati.
Avete provato a parlarne con lui? Pensate sia successo qualcosa in particolare che lo abbia portato a chiudersi così?… Sicuramente è  importante aprire un confronto, magari esternando anche le vostre difficoltà nell’affrontare questa pandemia, condividendo la fatica ma anche la speranza e la possibilità di creare comunque una normalità. Non sappiamo in che regione siete ma non sempre ci sono restrizioni rigide come la prima fase della pandemia. Torni a scriverci se ne sentisse il bisogno.
Un caro saluto!

 

 
31 Marzo 2021