Una mostra d’arte itinerante con l’istituto Redi di Paternò

I dipinti riprodotti dagli studenti della scuola siciliana

CATANIA – Si chiama ‘Arte, natura, cultura’ ed è il progetto artistico e culturale realizzato in occasione della Pasqua, dall’istituto d’istruzione superiore ‘Redi’ di Paternò (Catania). Una mostra d’arte temporanea, inaugurata in diretta streaming lo scorso 27 marzo dal Palazzo di Città del comune di Belpasso, in cui è stata allestita l’esposizione di 15 tavole che riproducono alcune tra le più importanti opere della storia dell’arte legate alla Via Crucis.

La mostra itinerante, iniziata a Belpasso, proseguirà nei comuni di Paternò e Biancavilla per valorizzare e promuovere il patrimonio architettonico del territorio pedemontano. In un periodo storico in cui i centri di cultura sono stati chiusi, il progetto, fortemente voluto dalla dirigente scolastica Giuseppa Morsellino, è nato da un’intuizione della professoressa Pina Fazzio, in collaborazione con un gruppo di docenti dell’istituto.

“L’istituto racchiude quattro scuole- spiega la dirigente Morsellino- dislocate nei comuni pedemontani di Belpasso, Paternò e Biancavilla. La nostra è una realtà complessa che diventa risorsa. Studenti e studentesse degli istituti professionali per l’agricoltura, la manutenzione e l’assistenza tecnica, del liceo scientifico e dell’industriale hanno fatto comunità, dando vita al progetto in una commistione di arte, storia, storiografia, tradizioni e natura, attraversando la passione di Cristo, in un una prospettiva religiosa e laica”.

I dipinti sono stati realizzati dagli studenti e studentesse del liceo scientifico di Belpasso, supportati dalla docente di storia dell’arte Giusi Di Stefano, e collocati sullo sfondo di edifici religiosi e civili delle tre cittadine, sedi della scuola.

“A questo primo lavoro– ha proseguito la professoressa Fazzio- se ne sono aggiunti altri di ricerca tra gli studenti dei diversi indirizzi dell’istituto, accostando alle tavole realizzate, altrettante schede botaniche che dettagliano elementi naturali, legati simbolicamente ad ogni momento del percorso ideale della Via Crucis”.

Le tavole sono, inoltre, corredate di didascalie con brani letterari e musicali che spaziano da Jacopone da Todi a Fabrizio De Andrè:

“L’intento è di offrire al visitatore- conclude Pina Fazzio- un percorso di riflessione che attraversa la storia di ogni donna e uomo di tutti i tempi”.

Nel rispetto delle misure anticovid, la mostra di Belpasso, resterà aperta al pubblico fino al 12 aprile.

2021-03-31T15:53:48+02:00