Al liceo Marconi di Pesaro il futuro nasce dalla memoria

Al via il convegno ‘A Forza di essere vento’
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PESARO – Fabrizio De André cantava “saper leggere il libro del mondo con parole cangianti e nessuna scrittura” per celebrare l’assoluta libertà del popolo Rom. Brano che ha aperto il Convegno Nazionale ‘A Forza di essere vento’ al liceo scientifico statale ‘Marconi’ di Pesaro che ha organizzato l’incontro, oggi e domani, all’interno del percorso di formazione ‘Educazione al Rispetto’, iniziato nel 2001 con ‘La Shoah: paradigma dell’annientamento’ sotto la direzione scientifica di Marcello Pezzetti.

Un convegno di storia che sfida il nostro presente, autore della nostra fragilità, ma che non ha fermato due giorni di incontri con testimonianze e approfondimenti dentro classi virtuali, con domande in tempo reale, sul tema della deportazione dall’Italia dei ‘non ebrei’.

“Affrontando questa tematica, ero certo di una crescita culturale di ogni individuo- afferma il dirigente scolastico Riccardo Rossini- Le deportazioni di massa, i genocidi, le grandi tragedie del Novecento non possono essere legate a mere informazioni storiche. Soprattutto, non possono essere dimenticate se si vuol sperare di non vederle ripetersi: la memoria rappresenta la speranza, l’antidoto, il vaccino tanto agognato contro i ricorsi nefasti della storia”.

Da qui, una sollecitazione per una memoria che da sola non basta: un concetto di pensiero comune che, usufruendo del potente strumento dell’educazione, inserisce gli studenti in una posizione proattiva contornata da approcci interdisciplinari mirati a diversi argomenti. Dagli approfondimenti storiografici sui deportati politici, la deportazione femminile e dei Rom-Sinti – rispettivamente con Bruno Maida, Dunja Nanut e Giorgio Bezzecchi- si dà voce alla sfera emotiva con il rapporto tra memoria e letteratura, musica, cinema e arte con Corrado Bologna, Santino Spinelli, i registi Ruggero Gabbai e Laura Halilovic e Suor Maria Gloria Riva, per poi concludere il primo incontro con un concerto virtuale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it