La svolta sostenibile di Pandora: d’ora in poi solo diamanti artificiali

Il noto marchio di gioielli ha lanciato la nuova linea 'Brilliance'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Dopo Tiffany & Co. anche Pandora ha intrapreso una nuova strada. Il noto marchio di gioielli ha lanciato oggi la linea ‘Brilliance’, la prima collezione di diamanti creata in laboratorio.

L’iniziativa è nata con un duplice scopo: andare incontro alla domanda dei consumatori sempre più propensi ad indossare oggetti e capi sostenibili e dare vita a creazioni dal costo minore e quindi accessibili a più persone.

I nuovi diamanti Pandora coltivati ​​con oltre il 60% di energia rinnovabile

I diamanti artificiali della collezione ‘Brilliance’, sono identici a quelli estratti nelle miniere. Hanno le stesse caratteristiche ottiche, chimiche, termiche e fisiche e sono classificati secondo gli stessi standard noti come 4C colour (colore), clarity (purezza), cut (taglio) e carat (caratura).  Secondo quanto riportato sul sito di Pandora “i diamanti della collezione sono stati coltivati ​​con oltre il 60% di energia rinnovabile in media e le emissioni di gas serra da energia non rinnovabile vengono compensate attraverso la certificazione CarbonNeutral”.

La nuova collezione Pandora ‘Brilliance’ nel 2022 in tutto il mondo

La nuova collezione al momento riguarderà il mercato del Regno Unito ma dal 2022 coinvolgerà quello mondiale. In merito ai nuovi gioielli Alexander Lacik, CEO di Pandora, ha affermato: “Sono un simbolo tanto di innovazione e progresso quanto di bellezza duratura e testimoniano il nostro programma di sostenibilità in corso e ambizioso. I diamanti non sono solo per sempre, ma per tutti “.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Sausan Khalil
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it