Maturità 2021, tamponi ‘a tappeto’ a chi sostiene l’esame di Stato

Sarà Covid free la prova più importante per gli studenti e le studentesse
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Gli studenti e le studentesse dell’ultimo anno di liceo verso la maturità 2021, che sarà Covid free. Tamponi, prima di sostenere l’esame di Stato, agli allievi e a tutto il personale scolastico e non (se non ancora vaccinati). A chiederlo al governo sono stati i presidi delle scuole di Roma e del Lazio. 

Il 16 giugno saranno circa 60mila studenti a sostenere l’esame di maturità. Un unico orale in presenza, che sostituisce le due prove scritte, che partirà dalla tesina elaborata da ogni studente. E ancora: mascherine chirurgiche,  distanziamento sociale, aerazione degli ambienti, igienizzanti e richiesta di accelerare la somministrazione del vaccino agli insegnanti che non hanno ricevuto la prima o la seconda dose.

“Abbiamo chiesto alla Regione e al governo di effettuare tamponi a tappeto prima dell’inizio degli esami in presenza. Ci hanno risposto dalla Regione che è allo studio un protocollo per poter effettuare i controlli in sicurezza e che ci avrebbero fatto sapere a breve le soluzioni per affrontare questo nodo. Il problema è che c’è poco tempo a disposizione“, ha spiegato Mario Rusconi, presidente dell’Associazione dei presidi del Lazio, a Il Messaggero.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Lucrezia Leombruni
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it