Bridgerton, annunciato lo spin-off sulla regina Charlotte

Nel frattempo, prosegue la produzione della seconda stagione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Il Bridgerton-verse continua ad espandersi. Netflix ha annunciato l’arrivo di uno spin-off tutto dedicato alla regina Charlotte.
La nuova serie esplorerà il passato del personaggio, con un occhio anche alla giovinezza di Violet Bridgerton e Lady Danbury.

“Molti spettatori non avevano mai conosciuto la storia della regina Charlotte prima che Bridgerton la portasse al mondo, e sono entusiasta che questa nuova serie amplierà ulteriormente la sua storia e l’universo di Bridgerton. Shonda e il suo team stanno costruendo con cura il Bridgerton-verse in modo che possano continuare a offrire ai fan la stessa qualità e lo stesso stile che amano. E pianificando e preparando tutte le prossime stagioni da adesso, speriamo anche di tenere un ritmo che soddisferà pienamente anche gli spettatori più insaziabili”, ha dichiarato Bela Bajaria, capo global TV di Netflix.

Nel frattempo, Netflix ha annunciato anche la terza e la quarta stagione di Bridgerton. La seconda è attualmente in lavorazione e debutterà prossimamente sulla piattaforma.

Bridgerton

Basata sulla serie di best seller della scrittrice Julia Quinn, Bridgerton è una serie romantica, scandalosa e arguta, ambientata nel mondo sontuoso e competitivo dell’alta società della Regency London. Dalle scintillanti sale da ballo di Mayfair ai palazzi aristocratici di Park Lane e oltre, la serie rivela un mondo seducente, pieno di regole intricate e drammatiche lotte di potere. Al centro della storia c’è la famiglia Bridgerton, composta da otto fratelli affiatati, un gruppo divertente, spiritoso, audace e intelligente che deve navigare nel mercato matrimoniale alla ricerca di romanticismo, avventura e amore.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it