L’abbraccio al migrante della volontaria Luna Reyes, divide il web tra odio e solidarietà

La giovane volontaria della Croce Rossa spagnola costretta a impostare come privato il proprio profilo social

ROMA – La pandemia ci ha messo di fronte alla nostra fragilità, a quanto davanti alla malattia siamo tutti ugualmente impotenti. Eppure, c’è ancora chi, nonostante tutto, non ha compreso il vero significato di solidarietà e continua a fare dell’odio verso il prossimo, la propria bandiera. Gente che agisce nell’ombra e si nasconde dietro un computer per criticare e fare del male volutamente.

Esempio di tutto questo sono i recenti fatti di Ceuta. Per aver abbracciato un migrante spaventato, la giovane volontaria della Croce Rossa Luna Reyes, è stata attaccata sui social in modo tale da essere costretta a impostare il proprio profilo come privato. Il suo gesto, immortalato da una foto che ha fatto il giro del mondo, anziché trovare tutti dalla stessa parte, come dovrebbe essere, ha diviso e creato schieramenti. Se da una parte infatti,  lo scatto è stato definito dalla vicepremier Yolanda Díaz “simbolo di speranza e solidarietà” dall’altra c’è chi ha approfittato del gesto della ragazza per insultarla e sfogare su di lei frasi razziste anche a sfondo sessuale.

“L’ho solo abbracciato”, ha poi rivelato all’emittente spagnola Rtve Luna, spiegando che in quella situazione le è sembrato il gesto “più normale del mondo”. Il ragazzo in questione, era appena arrivato a Ceuta dopo aver attraversato a nuoto il confine tra Marocco e Spagna, era spaventato e provato fisicamente.

[#GraciasLuna]
Somos una organización en la que hay muchas Lunas,que ayudan a diario a personas como las que llegan a Ceuta.O a Arguineguín.O a Canarias.O que están en tu barrio
En todo el mundo,#EnTodasPartes#Humanidad #Voluntariado #Independencia #Neutralidad
📸@BernatArmangue pic.twitter.com/wMOvJCVtEW

— Cruz Roja Española (@CruzRojaEsp) May 19, 2021

Ma se “non tutto il male viene per nuocere”, dal web non sono arrivati solo gli insulti. In tanti hanno dimostrato approvazione per il gesto di Luna Reyes, dando vita ad una campagna di solidarietà accompagnata dall’hashtag #GraciasLuna, che in breve tempo è finito nei trend di Twitter. Lo scatto della ragazza però, non è il solo che in questi giorni ha fatto il giro del mondo. A precederlo è stata un’altra foto molto toccante, in cui un agente della Guardia Civil salva dalle acque un neonato.

Sono circa 8mila i migranti arrivati nell’enclave spagnola tra lunedì e martedì e ben 6mila tornati indietro con la forza o spontaneamente.

2021-05-21T12:56:44+02:00