Euro 2020, il significato dei soprannomi delle Nazionali di calcio

Il torneo calcistico più importante d'Europa ha inizio!

Calcio d’inizio per UEFA Euro 2020, 16esima edizione del torneo di calcio più importante del continente. Dopo essere slittata di un anno a causa del Covid, la competizione prenderà il via ufficialmente questa sera allo Stadio Olimpico di Roma, con l’attesa partita Turchia-Italia.
Per l’occasione, ecco uno sguardo al perché dei soprannomi di 5 Nazionali di Euro 2020.

Italia – Azzurri

Perché la nostra nazionale è chiamata gli Azzurri?
Se pensate che dipenda dal colore della maglia, non siete propriamente fuoristrada, ma non è neanche del tutto corretto.
Così come il soprannome, infatti, anche le magliette sono state scelte per un motivo, riconducibile al 19° secolo, quando Vittorio Emanuele II divenne il primo re d’Italia nel 1861. Il nuovo sovrano era un membro della Casa di Savoia, il cui colore ufficiale era proprio l’azzurro.
Da qui è stato adottato per l’uso nella nazionale, nonostante il colore non compaia nella bandiera.

Paesi Bassi – Oranje

Come l’Italia, anche i Paesi Bassi hanno adottato un soprannome legato alla loro storia.
La nazionale è nota come “Oranje” (arancione), colore che non fa parte della bandiera del Paese (rosso, bianco e blu).
Il tutto è ricollegabile al fatto che la famiglia reale olandese appartiene alla Casa d’Orange-Nassau la cui livrea è proprio arancione.

Inghilterra –  Three Lions

Un pezzo di storia inglese è stata utilizzata per il loro soprannome della loro Nazionale.
“Three Lions” si deve allo stemma di tre leoni rampanti che adornano la maglia della squadra, la stessa effige del Royal Arms of England, probabilmente un omaggio a Riccardo Cuor di Leone.

Spagna – Furia Roja

Una gran quantità di soprannomi delle nazionali di tutto il mondo si riferisce al rosso, e la Spagna è una di queste.
La Furia Roja deriva da due fattori: il colore della maglia, il rosso appunto, e lo stile di gioco potente, aggressivo e diretto, che conferì alla Spagna il titolo di Furie Rosse alle Olimpiadi di Anversa nel 1920.

Francia – Blues

Il perché la nazionale francese si chiami Les Blues (I blu) è evidente. Il soprannome è legato al colore delle maglie. C’è da aggiungere che tutta la divisa tradizionale è dedicata alla bandiera francese (le Tricolore), con i colori – quando giocano in casa – rosso dei calzini, bianco dei calzoncini e blu, appunto, della maglia.

2021-06-11T14:51:04+02:00