Dalla moda ai reportage sulla bellezza oltre gli stereotipi: vi presentiamo Sara Melotti

Fotografa, video maker e scrittrice. Il viaggio di Sara Melotti dal fashion system newyorchese ai volti nascosti del mondo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Roma – Un viaggio verso “Il sogno americano” andata e ritorno. Un salto – voluto – dalle “stelle alle stalle”. È la storia di Sara Melotti, lanciatissima fotografa di moda nella New York che conta che, dal mondo patinato dei set e del fashion system, è diventata globe trotter, dando volto e voce a pezzi di mondo non troppo conosciuti. Luoghi diventati per lei posti dell’anima e che l’hanno portata dove ‘La felicità è una scelta’. Si intitola proprio così il suo libro autobiografico, appena uscito per Edizioni Piemme.
 
La felicità è una scelta Sara Melotti
Una storia la sua dedicata sempre e comunque a reportage di bellezza, da quella standardizzata degli anni newyorchesi a quella del mondo, dei viaggi, delle storie.
La sorpresa, leggendola, è che per la maggior parte delle donne: “La bellezza non ha nulla a che fare con l’aspetto esteriore, ma è un’astrazione. Le risposte più comuni – racconta in un’intervista – sono gentilezza, empatia e sicurezza in se stesse, non gli zigomi alti”.

Sara Melotti: un’italiana a New York oggi cittadina del mondo

“Il viaggio nel viaggio” di Sara Melotti è iniziato quando guardandosi avrebbe voluto ‘photoshopparsi’ la faccia, quando ha capito di non accettarsi e quando di fronte a giovanissime poser troppo audaci per la loro età si è detta basta, perché con il suo lavoro contribuiva ad alimentare standard di bellezza irreali. Sara ha avuto il coraggio di ascoltare la propria voce e da lì è iniziato il suo viaggio intorno al mondo dedicato a “Quest for Beauty”: il progetto in cui da fotografa si fa anche video maker per raccontare la bellezza oltre gli stereotipi.
È online il suo video reportage girato nei campi profughi del Kurdistan “Children of the camps. Storie dall’Iraq”, per Terre des Hommes. 
Come il suo ‘sguardo’ sia cambiato, Sara lo racconta con lucidità e sincerità nel suo libro. Ne ‘La felicità è una scelta’ si capisce chiaramente come il suo viaggio intorno al mondo sia iniziato decisamente prima del periodo newyorchese. Un percorso a passi di danza che prende il via appena maggiorenne con un volo per Los Angeles e prosegue qualche anno dopo fino a Las Vegas, là dove il destino (e un irresistibile Mr. Jimmy) le hanno regalato un sogno tutto nuovo: quello di diventare fotografa.
Nella costruzione di ciò che Sara Melotti oggi è diventata ci sono le perdite, le dipendenze, le relazioni difficili e il mondo dei social, a cui la Sara di allora si è affacciata raccontando quello che avrebbe dovuto essere e invece non era.

La felicità è una scelta è una guida preziosa su come dare significato alla propria esistenza

In trecento pagine, che scorrono alla velocità del vento, l’autrice si svela ma soprattutto ‘rivela’ con lucidità le trappole dell’effimero, gabbie che si insinuano nelle nuove generazioni. ‘La felicità è una scelta’ è un manifesto per sognatori e cinici, una riflessione sul senso della vita oggi e sulle questioni sottaciute nel nostro rapporto con i social. Una guida preziosa su come dare significato alla propria esistenza. Il sogno è il motore, ripete Sara nelle sue pagine, i suoi sogni però sono cambiati insieme a lei, portandola verso ciò che forse non aveva saputo cogliere o vedere. Il suo coraggio di mollare tutto per sentirsi davvero realizzata è una testimonianza.

Sara Melotti sarà in diretta Instagram con Dire Giovani

Del vissuto, dei viaggi, del libro e del progetto “Quest for Beauty” ne parleremo a voce con Sara, in una diretta Instagram in prima serata! L’appuntamento per conoscerla, ascoltarla e fare il giro intorno al mondo è venerdì 18 giugno alle ore 19:00 sul profilo IG Diregiovani.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it