Dal 28 giugno via le mascherine all’aperto. Ecco i casi in cui andranno indossate

Ieri sera l'annuncio del ministro Speranza dopo il parere favorevole del Cts

La notizia che in molti stavano aspettando è arrivata: via le mascherine all’aperto in zona bianca. Un gesto, che in vista dell’estate, regala a tutti un maggiore senso di libertà, senza dimenticare però la sicurezza. Se non si è congiunti, infatti, va rispettato comunque il distanziamento. La mascherina inoltre, sarà ancora obbligatoria in diverse circostanze e andrà sempre portata con noi.

Mascherina: quando rimane l’obbligo di indossarla

Se all’aria aperta è possibile girare senza mascherina, questa dovrà ancora essere indossata in situazioni precise:

  • Nei luoghi chiusi
  • All’aperto nel caso di assembramenti e file
  • Sui mezzi pubblici
  • Negli ambienti sanitari

Via la mascherina, le indicazioni del Cts

Nella nota del Cts, interpellato dal ministro della Salute Speranza sull’uso o meno della mascherina, si legge che “le mascherine rappresentano uno dei mezzi più efficaci per la riduzione della circolazione del virus (…) il CTS ritiene che nell’attuale scenario epidemiologico a partire dal 28 giugno, con tutte le regioni in zona bianca ci siano le condizioni nelle cosiddette zone bianche per superare l’obbligatorietà dell’uso delle mascherine all’aperto salvo i contesti in cui si creino le condizioni per un assembramento (es: mercati, fiere, code, ecc.) che le persone debbano sempre portare con sé una mascherina in modo da poterla indossare ogni qualvolta si creino tali condizioni e debba essere raccomandato fortemente l’uso della mascherina nei soggetti fragili e immunodepressi e a coloro che stanno loro accanto”.

2021-06-22T16:29:29+02:00