“Non andate a Roma”, tifosi inglesi invitati a rimanere a casa per il match con l’Ucraina

In Italia richiesti più controlli sugli arrivi per il diffondersi della variante delta in Inghilterra

Inghilterra -Ucraina? Una partita che i tifosi inglesi dovrebbero vedere a casa loro. E’ questo in sintesi, il pensiero che accomuna istituzioni inglesi e italiane, anche se le motivazioni sono diverse.

La ministra dell’Economia, dell’Energia e della Transizione ecologica del Regno Unito, Anne-Marie Trevelyan, infatti, ha esortato  i supporter dei Tre Leoni  a rimanere a casa per via dei cinque giorni di quarantena decisi dal governo italiano per chi arriva dall’Inghilterra. “La richiesta è di guardare da casa e tifare per la squadra il più intensamente possibile. La questione è ‘la Nazionale può sentirci stando a Roma?’. Sono sicura che coglieremo al meglio questa opportunità”, ha detto ai microfoni di Sky Sports Uk in vista del match previsto il 3 luglio alle 21 all’Olimpico di Roma.

Inghilterra-Ucraina, Nicola Zingaretti: “Chiediamo rispetto della legge”

Diversa invece, la motivazione italiana, legata principalmente alla preoccupazione per l’aumento della variante Delta in Inghilterra. “Chiediamo il rispetto della legge e attenzione rispetto alla problematica della variante Delta. Informeremo i cittadini inglesi sulle nostre regole”.  Così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al quale ha fatto eco anche l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato: “La prossima tappa degli Europei di calcio porterà tifosi provenienti dall’estero a Roma il 3 luglio per la partita Inghilterra-Ucraina. Ricordo che è in vigore, per motivi di contrasto alla pandemia e alla variante Delta, l’ordinanza per la quarantena di 5 giorni rivolta a tutti coloro che provengono dalla Gran Bretagna, la quarantena deve essere rispettata”.

2021-06-30T17:12:09+02:00