Caserta, studenti del liceo Pizzi vincono concorso ‘Mi sporco le mani’

Promosso dall’associazione Italia Nostra, per sensibilizzare i giovani alla tutela del territorio

CASERTA – È andato agli studenti del liceo ‘Salvatore Pizzi’ di Capua il primo premio del concorso ‘Mi sporco le mani’ promosso dall’associazione ‘Italia Nostra’. A vincerlo è stata la quarta A dello scientifico composta da 29 ragazzi tutti appassionati delle nuove tecnologie. 

Il concorso ha rappresentato un approccio empirico finalizzato alla tutela del patrimonio artistico, culturale, paesaggistico della nazione. Attraverso l’allestimento di laboratori esperienziali ‘del fare’, si sono invitate le scuole partecipanti (nel pieno rispetto dell’autonomia del piano dell’offerta formativa e dei bisogni territoriali individuali) a progettare insieme a ‘Italia Nostra’ percorsi laboratoriali di conoscenza concreta sul patrimonio culturale del proprio territorio (beni culturali materiali e immateriali), anche coinvolgendo le altre associazioni locali del terzo settore, ambientaliste e di categoria, per avviare un dialogo scuola/istituzione costruttivo, finalizzato alla conservazione dei beni culturali tradizionali, peculiari di ogni area geografica della Penisola. 

Il progetto si è proposto di trasmettere competenze di cittadinanza attiva e consapevole agli studenti che hanno voluto cimentarsi nella tutela e conservazione del proprio patrimonio culturale, coniugando la fase di conoscenza, con le azioni pratiche volte alla conservazione del bene culturale avente valore di civiltà. 

Con questo progetto si sono avviati processi di sensibilizzazione su temi di cittadinanza attiva, mediante l’apprendimento sperimentale diretto di tecniche costruttive locali, di saperi materiali e immateriali (ad esempio il bianco calce del latte di calce; la riproposizione delle ricette della nonna; i saperi del maestro lapicida; la tecnica costruttiva della malta in cocciopesto; il culto del taglio della cava di marmo; la cultura della coltura della vite, dell’ulivo, delle nocciole, dei fichi, delle castagne ecc.; la poesia dialettale; il canto e il ballo tradizionali; la banda musicale di paese etc…). 

Da qui il titolo del percorso, #Misporcolemani, attraverso il quale si desiderava attivare due azioni fondanti la formazione dello studente, futuro cittadino consapevole: la vicinanza dell’Associazione alla scuola, ai docenti, agli studenti, collaborando attivamente alla formazione di cittadini sensibili al discorso sulla conoscenza e conservazione del nostro patrimonio culturale e la dichiarazione programmatica d’intenti per mezzo dei quali “tutelo se conosco”; “conosco se acquisisco in prima persona i saperi tradizionali della cultura locale (sia materiali che immateriali)”; “acquisisco questo bagaglio di conoscenze se vi riconosco un valore storico-identitario e di appartenenza”.

2021-07-05T14:14:17+02:00