Cory Monteith, 8 anni dalla morte: il ricordo di Lea Michele

Il 13 luglio "maledetto" anche il ritrovamento del corpo senza vita di Naya Rivera

ROMA – Troppo giovane, troppo presto. Nessuno era preparato alla morte di Cory Monteith, l’attore di Glee scomparso il 13 luglio del 2013 in seguito all’assunzione di un mix di eroina e alcol. Ha fatto innamorare un’intera generazione con la sua voce e il suo talento. Aveva solo 31 anni.
Davanti a lui una carriera promettente: dopo il successo in Glee, in cui interpretava Finn Hudson, l’attore aveva preso parte a due produzione cinematografiche, uscite postume.

Lea Michele ricorda Cory Monteith

Coppia dentro e fuori lo schermo, Cory Monteith aveva trovato l’amore con la co-protagonista di Glee Lea Michele. Tra i due un rapporto di alti e bassi, terminato con la morte dell’attore. I due avevano da poco annunciato l’intenzione di sposarsi presto. Oggi Lea è sposata Zandy Reich e nell’agosto 2020 anno ha festeggiato la nascita del primo figlio.
Ma come ogni anno, dedica un pensiero a Cory. QUesta volta lo ha fatto con una storia silenziosa, condividendo una foto dell’attore in bianco e nero.

Cory Monteith

Il 13 luglio 2020 il ritrovamento di Naya Rivera

Il 13 luglio 2020, il giorno dell’anniversario della morte di Cory Monteith, un altro dramma ha colpito il cast di Glee. Venne ritrovato nel lago di Piru, in California, il corpo senza vita di Naya Rivera, scomparsa l’8 luglio nel corso di una gita in barca con il figlio di allora quattro anni. Secondo le autorità l’attrice, tra i protagonisti di Glee, avrebbe aiutato il piccolo a risalire sull’imbarcazione prima di annegare.

2021-07-13T17:12:43+02:00