Maneskin ‘bocciati’ dalla critica americana ma rimangono i più ascoltati

Il critico musicale Chris Deville ha letteralmente stroncato la cover di 'Beggin' definendola "atroce" e dal "suono obsoleto"

19 Luglio 2021

Nonostante il successo mondiale e l’apprezzamento da parte del pubblico c’è chi, i Maneskin, ha preferito stroncarli senza mezzi termini. A farlo è stato Chris Deville che sul sito americano ‘Stereogum’, ha sminuito la band romana riducendola ad un “gruppo di liceali” e definendo la cover ‘Beggin’ “atroce”.

Deville sui Maneskin: “Se questa roba prende piede meglio che il rock sia morto”

Se da una parte il New York Times li aveva ‘celebrati’ ecco dunque l’altra parte della medaglia. Certo è che il ruolo di critico, Deville lo ha ricoperto in pieno, perché le sue parole non lasciano alcun dubbio: “Il loro suono è vecchio e obsoleto e la cover di ‘Beggin’ è atroce. Se questa roba che deve prendere piede qui, è meglio che il rock sia morto”. E ancora: “Sono un po’ scioccato dal fatto che ‘Beggin’ stia facendo breccia anche in America. Il timbro del cantante sembra la parola di un cantante che fa spelling della parola rock: r-a-w-k. L’intera band sembra vestita da Orgy per Halloween, e la loro musica suona come l’impressione insipida di uno squallido Sunset Strip act dei primi Incubus. Prego che la loro comparsa sia un caso isolato e che non ci sarà un revival di questo di tipo di hard rock terribile”.

Oltre 12milioni di visualizzazioni per il video di ‘I wanna be your slave’

Non proprio un commento ‘leggero’ ma per quello che ha dimostrato, la band andrà sicuramente avanti lo stesso. Proprio in questi giorni infatti,  i Maneskin, stanno raccogliendo il successo del loro ultimo video ‘I wanna be your slave’. Su youtube la clip ha superato ampiamente i 12 milioni di visualizzazioni e guadagnato molti consensi soprattutto tra i fan russi.

2021-07-20T12:07:19+02:00