Allegri: “Bonucci capitano? Ha perso il posto quando è andato al Milan”

L'allenatore bianconero ha spiegato la gerarchia in 'casa Juventus'

Essere qui è come la prima volta. Sono emozionato. La società mi ha dato la possibilità di tornare a vincere e per questo le sono molto riconoscente. Ho rifiutato il Real Madrid quest’anno, perché ho fatto le mie riflessioni e ho scelto la Juve. È un gesto d’amore e credo soprattutto nella squadra, che è giovane, ha potenzialità ed è divertente da allenare. Poi, per divertirsi, bisogna vincere, che è l’unica cosa che conta“. Inizia così la sua nuova avventura da tecnico della Juventus Massimiliano Allegri, che oggi ha parlato in conferenza stampa. “Chiellini, Bonucci e Ronaldo– ha spiegato il tecnico livornese- devono essere un valore aggiunto: esempi per i più giovani, che devono capire cosa è la Juventus. Cioè una società che non guarda mai al passato, ma che pensa sempre alla nuova stagione, lavorando giorno dopo giorno. Mi è stato lasciato un buon lavoro con buoni giocatori“. Allegri aggiunge che “Ronaldo è un ragazzo intelligente” e che “abbiamo parlato, come ho parlato con gli altri“. “Gli ho detto– prosegue- che ha una responsabilità maggiore rispetto alle altre annate, visto che la squadra quest’anno è più inesperta. Mi aspetto molto quindi anche sul piano della responsabilità da uomo quale è“.

“Posso solo immaginare le difficoltà – ha detto l’allenatore toscano- della rosa nel pieno della pandemia, per questo è importante gestirla al meglio. Dybala l’ho trovato in ottime condizioni fisiche e mentali. Quando hai un giocatore come Paulo, hai fra le mani un valore aggiunto. Sarebbe lui il capitano se non ci fosse Chiellini, visto che Bonucci ha azzerato le presenze quando è passato al Milan. L’ho trovato motivato con giusto entusiasmo e voglia di raggiungere degli obiettivi“. “Nel campionato– ha spiegato Allegri- ci sono allenatori importanti: Spalletti, Mou, Sarri, io, Pioli, Inzaghi. L’Inter è la favorita e bisogna essere bravi a costruire il percorso per vincere il campionato. La Champions è un desiderio, deve esserlo da parte di tutti. L’obiettivo è passare il primo turno, poi un passo alla volta“. “Per le 5 sostituzioni– scherza l’ex Spal, Cagliari e Milan- spero di non fare casino, visto che non ci sono abituato. Credo però che sia una buona cosa, poi magari di sostituzione per cambiare il corso della gara ne serve solo una. Il Milan ha giovani interessanti, che nella prossima stagione avranno un anno di esperienza in più. Lo vedo pertanto come favorita assieme a Inter, Napoli, Roma e Lazio“.

2021-07-28T09:03:59+02:00