Milan-Lazio: una partita tra insulti razzisti e la lite Saelemaekers-Sarri

Ennesimo episodio di razzismo negli stadi. Cori verso i giocatori rossoneri Bakayoko e Kessie. Il Milan valuta esposto alla FIGC

13 Settembre 2021

Il Milan batte la Lazio 2-0, durante la terza giornata di campionato, ma a tenere banco sono i cori razzisti ricevuti all’indirizzo di un calciatore del Milan. Si tratta del neo acquisto Tiémoué Bakayoko.


IL FATTO- La partita del centrocampista francese è durata appena quindici minuti, complice un infortunio, ma sono bastati per ricevere insulti razziali, a quanto pare provenienti dagli ultras biancocelesti.
Episodio che non è passato inosservato allo stadio e ai giornalisti presenti, tantomeno alla società del Milan che ha deciso di non lasciar correre, denunciando l’accaduto con un comunicato:
“In merito ai cori discriminatori all’indirizzo del nostro calciatore Bakayoko provenienti dal settore ospiti e avvertiti da alcuni giornalisti e spettatori, AC Milan dopo le opportune verifiche sta valutando di presentare un esposto alla FIGC. #WeRespAct #WeTheFamily”.


BAKAYOKO RISPONDE- Anche il giocatore è intervenuto sull’accaduto, rispondendo agli attacchi verbali: “Ai tifosi della Lazio che hanno diretto cori razzisti verso me e mio fratello Franck Kessie. Siamo forti e fieri del colore della nostra pelle. Sono sicuro che il club li identificherà. #forzamilan #notoracism”.


SAELEMAEKERS VS SARRI- Milan-Lazio è stata una partita molto accesa, oltre che sul campo anche nelle panchine. Soprattutto nel finale quando gli animi si sono scaldati generando una lite tra Saelemaekers (giocatore rossonero) e Maurizio Sarri, tecnico della Lazio, per via di una parola di troppo. A fare da paciere, sembra strano, ma è stato Ibrahimovic. A raccontarlo lo stesso tecnico toscano: “Zlatan ha rimproverato il compagno di scuola invitandolo a chiedere scusa: il ragazzo l’ha fatto quindi è finita lì”. 

2021-09-13T15:53:40+02:00