Ibrahimovic compie 40 anni. A Milanello la festa con tutto lo staff del Milan

Nessun dipendente escluso al momento del brindisi. L'attaccante, ancora fermo ai box, ha voluto proprio tutti. Pronto a continuare con il calcio per un altro anno intanto sbarca anche al cinema

3 Ottobre 2021

Desiderato, invidiato, ammirato, forse qualche volta odiato.  In due parole Zlatan Ibrahimovic. L’attaccante del Milan compie oggi 40 anni. Nasceva a Malmo, in Svezia, nel 1981. Il punto di partenza di una carriera da predestinato, da campione.

Le candeline, però, ha scelto di spegnerle senza grandi party esclusivi o feste assordanti. Ibra ha brindato alla sua cifra tonda a Milanello con i compagni e tutti i dipendenti del club: dai medici ai magazzinieri, dai segretari agli addetti alla manutenzione del complesso. Nessuno escluso.

E poco importa se celebrare un compleanno prima porta sfortuna. L’atleta è andato oltre ogni credenza e ha invitato tutti venerdì pomeriggio, dopo uno degli allenamenti pre-trasferta. Obiettivo: non distrarre la squadra a ridosso o nel giorno di Atalanta – Milan, in programma stasera a Bergamo alle 20.45. 

Ancora fermo per un fastidio al tendine d’Achille, Zlatan si dimostra ancora una volta pedina fondamentale per lo spogliatoio della squadra di Stefano Pioli. Prima il dovere, sempre. Questo il leit motiv che ha condotto il numero 11 a trainare le sorti di Juventus, Inter, Paris Saint-German e Manchester Utd. E ancora Ajax, Barcellona, Los Angeles Galaxy e Malmo (dove ha debuttato nel 1995). Nonché della nazionale svedese.

Il regalo del Milan

Il Milan gli ha regalato una torta di 22 kg, senza alcuna candelina. Solo una scritta – “Always IZ”, sempre Ibrahimovic Zlatan – e una cascata di 500 fragoline, tante quanti sono i gol in carriera dell’attaccante.

 

Il dono più grande, però, secondo quanto rivelato dal Corriere della Sera, è il prolungamento di un anno del contratto. Z, che quest’anno ha debuttato anche come presentatore al Festival di Sanremo, è ancora in formissima ed è decisamente ancora prematura una separazione dal calcio. In programma, poi, rimangono i mondiali del Qatar. E in futuro, chissà, forse un ruolo da dirigente.

Una vita da film. Zlatan sbarca al cinema

La vita e la carriera del fenomeno svedese, intanto, sono diventati un film. “Zlatan”, semplicemente, sarà al cinema dall’11 novembre. Ecco il trailer.

2021-10-04T11:26:55+02:00