Le celebrità che dovresti assolutamente conoscere: Sonita Alizadeh

Sonita Alizadeh è una rapper e attivista per le donne afghane. Ha 25 anni e rappresenta un simbolo di emancipazione per molte sue coetanee

“Le celebrità che dovresti assolutamente conoscere” nasce per accendere i riflettori su quei personaggi che per il loro talento e i loro contenuti meriterebbero di essere approfonditi e seguiti soprattutto dalle giovani generazioni. Sonita Alizadeh, la nostra celebrità di ottobre, è un volto e una voce di queste nuove generazioni. Non propriamente ‘Pop’ in terra italiana, la storia di Sonita è la testimonianza di una giovane donna che rivendica libertà ed emancipazione là dove nascere femmine è spesso una condanna.
Afghana di Herat, Sonita Alizadeh è nata nel 1996. Oggi ha 25 anni ed è una rapper e un’attivista per i diritti delle donne afghane. Ecco perché, in un momento così politicamente complesso per il Paese, abbiamo scelto di parlarvi di lei.

ECCO CHI È SONITA ALIZADEH

LA STORIA DI SONITA ALIZADEH

A soli 9 anni, dopo la morte del padre, Sonita è stata promessa in sposa ad un uomo molto più grande di lei. Tradizione vuole che molte famiglie in Afghanistan organizzino i matrimoni delle figlie femmine, spesso ancora bambine, in cambio di denaro. Il destino nel caso di Sonita ha fatto sì che le nozze venissero annullate. Per sfuggire ai talebani, Sonita con madre e fratelli si è trasferita in Iran: è lì che in un centro rifugiati per bambini ha imparato a leggere, a scrivere e ha ascoltato il suo primo rap alla radio. Nonostante non capisse neanche una parola di quella musica così potente, Sonita la fa sua e inizia a sfogare la rabbia mettendo in rima canzoni che parlano di lei e della difficile condizione delle sue compagne. In Iran è proibito cantare, ma la ragazza decide ugualmente di cercare un produttore ed incidere la sua prima Demo. A sedici anni Sonita vuole fare la rapper ma a metterle i bastoni tra le ruote è ancora una volta la famiglia: il fratello vuole riportarla in Afghanistan e venderla ad un uomo per potersi a sua volta ‘comprare una sposa’.

L’INCONTRO CON LA REGISTA ROKHSAREH GHAEM MAGHAMI

Sarà provvidenziale per Sonita la regista iraniana Rokhsareh Ghaem Maghami, che dopo aver ascoltato il suo rap decide di riprenderla. Proprio la regista convincerà la famiglia della ragazza a lasciarle sei mesi di tregua, in cambio di duemila dollari. Le due insieme lavorano al videoclip di “Brides for sale” (spose in vendita), un brano rap sulle figlie che vengono vendute in matrimonio dalle loro famiglie.
Il videoclip in rete riscontra un successo immediato e arriva fino in America. Sonita viene contattata dallo Strongheart Group che le offre un visto per studiare e comporre musica in una scuola privata statunitense.

Sonita oggi vive a Washington DC, frequenta l’American University e continua a comporre canzoni

La sua vita è diventata un documentario, il film diretto da Rokhsareh Ghaem Maghami è intitolato Sonita e ha vinto il gran premio della giuria al Sundance Film Festival. Anche Penelope Bagieu le ha dedicato un ritratto nel suo fumetto ‘Indomite’ (BAO Publishing).
2021-10-12T11:57:04+02:00