Marracash chiarisce le sue affermazioni sull’appropriazione culturale

Il rapper torna sull'argomento che ha scatenato il botta e risposta con Fedez

Dopo il botta e risposta tra Marracash e Fedez sulle frasi dette dal primo al Corriere della Sera, il rapper di “Crazy Love” è tornato sull’argomento appropriazione culturale per chiarire (e si spera) archiviare l’argomento.

È così che, ai microfoni di Radio Deejay, il 42enne ha spiegato: “Non è detto che uno debba per forza aver vissuto sulla propria pelle delle cose, cioè non vuol dire che uno debba essere gay per parlare di diritti dei gay. Però io credo che uno debba perlomeno fare parte di una cultura”.

E l’esempio più chiaro resta quello di Elodie: “Sua sorella è omosessuale ma, in generale, la conosco e frequenta quella gente, ha sofferto con loro, ha combattuto le loro battaglie. Se lei fa un post sul Ddl Zan è credibile ed è giusto che lo faccia”.

Conoscere ciò di cui si parla, questo l’assunto anche dietro l’attacco a Fedez: “Io e lui abbiamo visioni della vita opposte e antitetiche. Lui rappresenta quelli che si impegnano oggi per una cosa e domani per un’altra senza avere credibilità, senza conoscere il problema. Io posso parlare di galera perché conosco chi ci è andato. Elodie può parlare di gay perché lo sono persone della sua famiglia”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Radio DEEJAY (@radiodeejay)

2021-11-20T16:09:13+01:00