I 25 migliori dischi usciti nel 2021: la nostra lista

Dall'ultimo di Marracash al ritorno di Michele Bravi dopo anni di silenzio...

31 Dicembre 2021

 Il 2021 in musica è stato ricco di sorprese e vere chicche. Negli scorsi 12 mesi sono state tantissime le uscite che non smetteremo di ascoltare allo scoccare della mezzanotte. È così che abbiamo voluto fare un viaggio indietro nel tempo e raccogliere in un’unica lista i 25 album migliori pubblicati quest’anno

Eccoli di seguito ↓

LA GEOGRAFIA DEL BUIO – MICHELE BRAVI

Quattro anni dopo “Anime di carta” e un lungo silenzio, Michele Bravi è tornato il 29 gennaio a far risuonare la sua voce con “La geografia del buio”. Nel progetto l’ex vincitore di X Factor si è messo a nudo raccontando il suo viaggio nel dolore, alla ricerca di modalità giuste per riuscire a conviverci. Dodici le tracce (dopo l’arrivo del repack) che raccontano, quindi, una convivenza forzata arrivata dopo un brutto trauma. Con la sua solita sensibilità, Michele non ha indorato la pillola della sofferenza ma l’ha presentata nella sua cruda verità. Proprio per questo, il progetto è uno dei tesori nascosti di quest’anno. 

MY MAMMA – LA RAPPRESENTANTE DI LISTA

La Rappresentante di Lista ci ha regalato il 5 marzo “My mamma”, un disco che sa di libertà e trasposizione perfetta della poetica del duo formato da Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina. A trainare tutto il progetto “Amare”, il singolo che il gruppo ha portato sul palco del Festival di Sanremo 2021. La canzone – come tutto l’album – ci ricorda, ogni volta che l’ascoltiamo, che de LRDL non ne ha mai abbastanza.

SONO IO – WRONGONYOU

Il 12 marzo Wrongonyou ha pubblicato ‘Sono io’, un disco pieno di verità in cui il cantautore di Grottaferrata si è messo completamente a nudo mostrando il suo lato personale come non ha mai fatto prima. Nove le 9 tracce presenti in tracklist che attraversano le sensazioni provate in quarantena, il suo rapporto con le donne e con la musica in un compendio di confessioni e ricordi, che comprendono anche una dedica a ‘Nonno Bruno’.

TEATRO D’IRA – VOL. I – MÅNESKIN

Il 19 marzo i Måneskin hanno cambiato la loro vita con “Teatro d’ira – Vol. I”, il disco che li ha portati al successo internazionale. Complice il singolo sanremese “Zitti e buoni”, il gruppo ha vissuto un 2021 che non dimenticheranno facilmente. Scritto interamente da Damiano, Victoria, Ethan e Thomas, l’album è stato registrato in presa diretta, rimandando alle atmosfere analogiche dei bootleg Anni 70, con l’idea e la voglia di ricreare la dimensione live vissuta dal gruppo nel loro primo lungo tour di 70 date fra Italia e Europa. Un disco tutto suonato, crudo, contemporaneo, capace di rappresentare lo stile e il sound della band.

SOLO TUTTO – MASSIMO PERICOLO

Non ha sbagliato la prova del secondo disco Massimo Pericolo che il 26 marzo ha pubblicato “Solo tutto”. Il seguito di “Scialla Semper”, che ha catapultato il rapper nell’olimpo della scena hip hop, ci ha dimostrato come l’artista sia più in forma che mai: le sue rime sempre taglienti e un sound mai banale modellato da Crookers. Non vediamo l’ora di vedere cos’altro può riservarci in futuro Massimo Pericolo.

NOSTRALGIA – COMA_COSE

Il 2021 è stato un anno di fuoco per i Coma_Cose che il 16 aprile hanno pubblicato il loro secondo disco, “Nostralgia”. Un album che racconta il passato con una vena di nostalgia e l’importanza della propria storia. “Fragilità e intimità” le parole chiave da tenere a mente durante l’ascolto. Tra le perle di questo disco “Fiamme negli occhi”, il brano che a Sanremo 2021 ha fatto commuovere gli eterni romantici.

TAXI DRIVER – RKOMI

Rkomi è stato decisamente un altro protagonista di questo 2021 in musica. Il 30 aprile usciva “Taxi driver”, una collezione di di hit su hit e collaborazioni. Nella tracklist Tommaso Paradiso, Gazzelle, Ariete, Gaia Gozzi, Roshelle, Ernia, Irama, Dj Shablo, Sfera Ebbasta, Dardust, Tommy Dali e Chiello, rapper del collettivo Fsk. Nel corso dei mesi si è aggiunta anche Elodie. Rkomi ci ha dimostrato, prendendo spunto dalle atmosfere dal film di Martin Scorsese, come l’abitacolo di un taxi possa essere luogo per scambiare riflessioni e pensieri

EXUVIA – CAPAREZZA

Non passerà mai di moda il flow trascinante di Caparezza e quest’anno il rapper lo ha dimostrato con il suo ottavo disco, “Exuvia”, che ha visto la luce il 7 maggio. Testimonianza di un racconto che si è fatto più intimo proprio con le tracce inedite contenute in questo progetto. Ed è proprio il titolo del disco a suggerire il cambiamento. Caparezza ha, infatti, utilizzato la metafora dell’exuvia per spiegarlo: ovvero ciò che resta dell’esoscheletro dopo la muta di un insetto. In una parola il rapper ha lanciato un progetto “intrigante” anche per le generazioni più giovani.

BINGO – MARGHERITA VICARIO

Senza limiti, irriverente, libero e pieno di sfaccettature. Il 14 maggio Margherita Vicario ci ha deliziato pubblicando “Bingo”, il suo secondo album. Trainato dai singoli “Giubbottino”,  “Pincio”, “Piña Colada” e “Orango Tango”, il progetto è sicuramente tra quelli da non mettere nel “cassetto” e anzi sarà sempre un super classic di Margherita. 

LA TERZA ESTATE DELL’AMORE – COSMO

Psichedelico e da ascoltare tutto da un fiato, tra i dischi più particolari usciti quest’anno c’è sicuramente “La terza estate dell’amore” di Cosmo. Il cantautore l’ha pubblicato l’11 maggio con il desiderio di far scatenare i suoi fan invocando una libertà che, poi, purtroppo, non è mai veramente arrivata. Con la pandemia mai arretrata, ci ha fatto ballare anche in casa.

RED BULL 64 BARS: THE ALBUM

Non sempre le raccolte di più artisti colpiscono. Quella di Red Bull 64 Bars ha, invece, lasciato il segno. Sulle piattaforme dal 28 maggio, la serie più famosa  legata al rap e relegata a un format online ha così rilasciato il primo album. Nella tracklist artisti come Ernia, Gemitaiz, Rkomi, Izi, Carl Brave, Beba, Blanco e Pyrex. Dieci in totale le tracce che dimostrano lo stato di salute dell’hip hop in Italia, alimentato da nomi che sanno mettersi in gioco. 

GHETTOLIMPO – MAHMOOD

L’11 giugno Mahmood ha lanciato il suo secondo album, “Ghettolimpo”. Se nel precedente lavoro il cantautore milanese raccontava il suo passato, in questo ci sono molti dei viaggi fatti grazie alla musica prima della pandemia. E non è un caso se, scorrendo la tracklist, è facile essere trasportati idealmente da Milano al Medio Oriente, passando dai paesaggi più esotici a quelli più urban delle grandi metropoli. Si va in Africa in ‘Baci dalla Tunisia’, in Francia in ‘Karma’, in Sardegna in ’T’amo’, solo per citare alcuni brani della tracklist che vede le collaborazioni di Elisa, Woodkid, Sfera Ebbasta e Feid. Ballare, cantare a squarciagola, emozionarsi. Mahmood non ci ha risparmiato nessun mood in questo disco da tenere tra i preferiti.

HAPPIER THAN EVER – BILLIE EILISH

“La miglior cosa che abbia mai creato”, lo ha definito così Billie Eilish “Happier than ever”, il suo secondo album uscito lo scorso 30 luglio. Seguito del successo ottenuto con “Where we all fall asleep, where do we go?”, la cantautrice ha regalato 16 nuove tracce in cui si mostra sotto una nuova luce ma con sempre al fianco il fratello Finneas, produttore del progetto. 

SOLAR POWER – LORDE

Il 20 agosto Lorde ha pubblicato “Solar Power”, seguito del successo internazionale di “Melodrama”. L’artista neozelandese non ha deluso i fan e ha rilasciato un progetto pieno di luce che l’ha vista collaborare, ancora una volta, con Jack Antinoff. Il risultato sono 14 tracce che la confermano una delle interpreti più interessanti degli ultimi anni.

DONDA – KANYE WEST

Dopo una lunga serie di rinvii, “Donda” di Kanye West ha finalmente visto la luce il 29 agosto. Si tratta del decimo disco del rapper, un viaggio di 1 ora e 48 tra passato, presente e futuro dell’artista. Un percorso fatto di tanta spiritualità, riferimenti musicali a pezzi di storia della musica e il ricordo a mamma Donda, che al progetto non dona soltanto il titolo. Non è azzardato definirlo un capolavoro. Nei mesi, poi, “Donda” è stato arricchito e rimaneggiato. Ora sulle piattaforme, il progetto conta 32 brani e un totale di 2 ore e 11 ma, d’altronde, alla creatività di Kanye non si può mettere un freno. Resta il migliore degli internazionali.

MUSIC OF THE SPHERES – COLDPLAY

Da sempre una certezza. I Coldplay sono tornati e non hanno deluso le aspettative. Il gruppo ha pubblicato il 15 ottobre “Music of the spheres”, nono disco della loro carriera. Un viaggio nel cosmo: tra (immaginari) pianeti dell’universo che nella tracklist vengono rappresentanti dalle canzoni. “Music of the spheres” è un disco da ascoltare dall’inizio alla fine senza salti. Da tenere tra i preferiti!

TUTTO ACCADE – ALESSANDRA AMOROSO

Dieci anni dopo il suo debutto ad Amici di Maria De Filippi, Alessandra Amoroso ha pubblicato il 22 ottobre “Tutto accade”. Un disco che la stessa artista ha definito della consapevolezza, non realizzato tanto con l’obiettivo di scalare le classifiche ma con quello di raccontarsi dopo un percorso che l’ha vista diventare una donna e far pace con la ragazza che muoveva i primi passi sul piccolo schermo. Quattordici le tracce nel disco, anticipate dai singoli ‘Piuma’, ‘Sorriso grande’ e ‘Tutte le volte’. Tre assaggi di un lavoro colorato e pieno di sfaccettature come quelle di cui Alessandra è fatta. A metterle in parole autori del calibro di Davide Petrella, Federico Zampaglione, Federica Abbate, Cheope, Giordana Angi, Davide Simonetta e Rocco Hunt. Tra i producer, invece, Dario ‘Dardust’ Faini, Francesco ‘Katoo’ Catitti e Takagi & Ketra.

Il 29 ottobre è stato il turno di Ed Sheeran, tornato sulle piattaforme a quattro anni da “Divide” con “Equals”. Ancora una volta, il cantautore ha scelto di intitolare un suo progetto con un simbolo matematico. Questa volta per raccontare la vita quanto la morte, la chiusura quanto la gioia di aprirsi abbandonando i fantasmi del passato. Anticipato dai singoli “Bad Habits”, “Visiting Hours” e “Shivers” (e poi “Overpass Graffiti”) il disco ha debuttato alla numero uno dei più venduti nel nostro Paese, scalzando dal podio “Solo” di Ultimo.

ALMA – GAIA

Il 29 ottobre Gaia ha lanciato “Alma”, il suo secondo disco. Con questo progetto, l’ex Amici ci ha inviato un vero e proprio invito nel suo mondo in cui Italia e Brasile hanno un filo diretto in ogni canzone. E sono proprio questi pezzi che, tra l’altro, hanno portato l’artista a calcare i palchi di tutto il globo negli ultimi mesi. Tra atmosfere latine e pop delicato, Gaia ha dimostrato che, nella musica, ha appena iniziato.

30 – ADELE

Dopo 6 anni di assenza, il 19 novembre Adele ha finalmente rilasciato un nuovo progetto di inediti. Si tratta dell’atteso “30”, anticipato dalla hit “Easy on me”. Nella raccolta di 12 brani (per 58 minuti totali), l’artista si spoglia completamente di ogni filtro e apre la porta al suo lato più intimo e personalequello della fragilità. Un matrimonio con Simon Konecki, un figlio, un divorzio, le crisi di ansia e la palestra come diversivo. A 33 anni Adele ricostruisce i pezzi del suo essere donna e riparte da capo per rinascere. “30” è così l’album più sincero della sua carriera che, con molta probabilità, vi ha fatto (e farà) versare non poche lacrime.

NOI, LORO, GLI ALTRI – MARRACASH

“Noi, loro, gli altri” è l’album pubblicato a sorpresa da Marracash il 19 novembre. Il rapper lo ha, infatti, annunciato soltanto il giorno prima mandando l’hype alle stesse. Aspettative altissime che non sono state deluse perché quello di Marracash è, forse, tra quelli elencati, il progetto che più mette d’accordo gli appassionati di musica. Le liriche toccanti del 42enne non lasciano impassibile chi ascolta. Tra barre di fuoco e confessioni, Marracash ci fa entrare ancora di più nel suo mondo, raccontando vizi e paure che accomunano le persone. I tanti riferimenti musicali, poi, alzano il livello di questo progetto: immortale.

DISUMANO – FEDEZ

Dopo l’esperienza sanremese in coppia con Francesca Michielin e un’assenza di due anni, Fedez è tornato il 26 novembre con “Disumano”. Il rapper non si è risparmiato e ha regalato ai fan ben 20 tracce, tutte corrispondenti ad altrettanti capitoli della sua vita. Ad accompagnarlo nel racconto alcuni degli artisti più apprezzati del panorama musicale attuale: oltre a Tedua, Fedez coinvolge Dargen D’Amico, Achille Lauro, Orietta Berti, Cara, Tananai, Crookers, Myss Keta, Speranza e Francesca Michielin. La produzione musicale dell’album è stata per la maggior parte curata da d.whale, con cui Fedez ha già collaborato in passato, alternandosi in alcune tracce a DADE, Dargen D’Amico, Michelangelo, Nic Sarno, Ted Fresco e Crookers.

MATERIA (TERRA) – MARCO MENGONI

Marco Mengoni ha lanciato il 3 dicembre “Materia (Terra)”, un disco che parte dalle sue radici, da quel passato che ha reso Mengoni la persona che è oggi. Come sempre, il cantautore non si è smentito pubblicando una raccolta di pensieri, riflessioni e appunti sulla vita, le relazioni e la necessità di prendersi il proprio tempo. La sua voce potente fa il resto e ci fa desiderare un disco che duri molto più di 33 minuti. Fortunatamente “Materia (Terra)”, che comprende i feat. di Gazzelle e Madame, è solo il primo di una trilogia di album che si completerà nei prossimi mesi. 

GOMMAPIUMA – GIORGIO POI

Sempre il 3 dicembre, Giorgio Poi ha pubblicato “Gommapiuma”, terzo album del cantautore che lo conferma nella lista dei più interessanti della nuova scena cantautorale. In soli 30 minuti l’artista di Bomba Dischi, è riuscito a catalizzare canzoni eteree da utilizzare come colonna sonora di “giorni affilati come rasoi”. 

Dopo l’enorme successo di pubblico e critica con dj Harsh per “Fastlife 4″, anche Gué Pequeno è tornato a sorpresa con “GVESVS” il 10 dicembre. Un progetto in cui ha rivoluzionato tutto, a partire dal suo nome ora diventato semplicemente Gué. Il rapper ha lanciato così un manifesto del nuovo capitolo di una carriera vissuta sempre da vero leader delle barre, con lui una lunga serie di ospiti: Marracash, Geolier, Ernia, Coez, Salmo, Elisa, Ketama126 e Franco126. E ancora: Rick Ross, Rose Villain, Jadakiss, e Dutchavelli.

 

 

2022-01-03T09:14:53+01:00