Ancora poche donne nella musica, nasce il comitato per eliminare il gender gap

Italia Music Lab lancia un programma per incrementare l'inclusività

Nelle prime 20 posizioni dei dischi più venduti in Italia nel 2021 c’è solo un’artista. Le musiciste valgono il 14,1% dei cantanti presenti nelle classifiche di Spotify Italia. Su un campione di 389.219 registrazioni musicali i ruoli da interpreti primari per le donne sono l’8,32% contro il 91,68% degli uomini. Sono questi solo alcuni numeri che parlano di divario di genere nella musica italiana e internazionale. Prove tangenti di un gender gap ancora presente nell’intero settore.

Numeri sconfortanti che, negli ultimi anni, hanno visto un lieve rialzo con la crescita del numero delle artiste under 30 italiane. Al momento il 59% delle artiste presenti in classifica singoli è under 30, una demografica che ha avuto una percentuale di crescita superiore agli uomini.

A fornire i dati è Italia Music Lab, fondazione al fianco dei giovani talenti, che oggi annuncia di voler fare sempre di più per rendere la musica più rappresentativa di tutti. Lo farà attraverso la creazione di un comitato consultivo per la diversità e l’inclusione, obiettivo da perseguire in tutte le proprie attività, dal linguaggio e dalla comunicazione utilizzata fino allo sviluppo di specifici programmi di supporto.

Il primo membro del comitato è Equaly, realtà italiana che si occupa di parità di genere all’interno del music business. E se ne aggiungeranno presto altre. In più, nella nuova edizione dei bandi che verranno lanciati a giorni, è stato recentemente inserito un contributo per i genitori (musicista o professionista) che abbiano necessità di portare il proprio figlio in tour all’estero, oppure che abbiano bisogno di assistenza per prendersene cura in Italia o nel paese in cui si svolge il live.

Inoltre, secondo i regolamenti, a parità di punteggio, le commissioni valuteranno le proposte sulla base di un’adeguata rappresentazione di stili musicali, bilanciamento di genere, età e background culturale per assicurare la massima diversificazione e inclusione tra i vincitori.

Italia Music Lab diventa anche sponsor Italiano di Keychange, il programma di formazione co-finanziato dall’Unione Europea. Infine, Italia Music Lab è partner istituzionale di Mission Diversity, il progetto promosso da Music innovation Hub, Keychange e da PRS Foundation con l’obiettivo di combattere le discriminazioni di genere e consentire pari opportunità professionali all’interno del settore musicale.

2022-03-12T16:35:14+01:00