Dal set con Lady Gaga e Adam Driver a Netflix: l’intervista a Filippo De Carli – VIDEO

L’attore è su Netflix nei panni di Giorgio nella serie ‘Guida Astrologica per cuori infranti 2’

Non so se nel mio cassetto dei sogni c’è sempre stata la recitazione, ma c’è sempre stata la volontà di comunicare attraverso il mio spirito, il mio corpo, la mia attitudine. Sai che c’è? Ti dico sì, c’è sempre stata”. Classe 1997, nato a Trento, romano d’adozione, attore. Lui è Filippo De Carli. All’apparenza sicuro di sé e inscalfibile ma se si ha la fortuna di poter scambiare quattro chiacchiere con lui si scopre che in realtà c’è molto di più. Ci sono talento, empatia, sensibilità, purezza, passione, coraggio nel mettersi sempre scomodo – nella vita personale e in quella professionale – e determinazione. Ma anche quel senso di stupore negli occhi. Avete presente quando per la prima volta siete entrati in un negozio di giocattoli o avete incontrato il vostro beniamino o avete visto un animale per la prima volta? Ecco questa sensazione Filippo ce l’ha mostrata in ogni racconto dei suoi progetti. Lo abbiamo visto al cinema in House of Gucci di Ridley Scott al fianco di Lady Gaga e Adam Driver, che non hanno certamente bisogno di presentazioni. L’8 marzo, invece, ha debuttato su Netflix nella seconda stagione di Guida astrologica per cuori infranti 2, tratta dall’omonimo successo editoriale scritto da Silvia Zucca (edito da Casa Editrice Nord). Nei nuovi 6 episodi – creati da Bindu De Stoppani e diretti dalla stessa Bindu e da Michela Andreozzi – Filippo interpreta Giorgio, un giovanissimo dj dalla simpatia travolgente. Ancora deve trovare il suo posto nel mondo ma una cosa è certa: se sei triste sa come metterti il buon umore. E lo sa bene Alice Bassi, la protagonista dello show che torna ad essere interpretata da Claudia Gusmano. Anche in questa nuova stagione i protagonisti sembrano rimandare tutto, dall’amore al lavoro fino alle amicizie, come la sveglia al mattino. I personaggi di questa serie non hanno paura di mostrarsi goffi, di mostrare le loro imperfezioni. Questo, in momento storico in cui quello che non ci piace di noi stessi tendiamo a nasconderlo, ci rassicura e normalizza – per quel che può – quello che ci rende unici. 

I personaggi della serie sono persone che potresti incontrare per strada. La magia di questo mestiere, del cinema e della letteratura è proprio farti rendere conto che la tua vita può essere un film. Farti rendere conto che i difetti che non ci piacciono di noi stessi fanno parte della normalità e quindi perché continuare a farcene un problema o a giudicarci sbagliati?!”, ha detto Filippo.

Ti sei mai scontrato con il pregiudizio?: “Mi ci scontro sempre. Viviamo in una società che si basa sull’apparenza e ci piace dare sempre un nome alle cose, conosciamo una persona prima attraverso i social e poi di persona. Ma quello che vediamo su Instagram è una piccolissima parte di noi. Per velocità tendiamo a farci una opinione della persona in base a quello che posta in rete. Per esempio, quando si parla di me molti vedono un contrasto: dai social posso sembrare ‘il bello e impossibile’, in realtà sono una persona semplice. Questa cosa la sto capendo, mi sono accorto che la tendenza al pregiudizio stava prendendo il sopravvento anche su di me, ma grazie all’aiuto di una persona speciale ho capito che tutto e tutti vanno approfonditi. Io mi fido molto del mio istinto e ci ha sempre azzeccato, ma a volte vale la pena rischiare, vale la pena pensare: ‘quel libro ha una brutta copertina ma è bello da leggere’“.

Ma comunque vada c’è sempre qualcuno pronto a curare le nostre ferite: “Dopo una delusione chiamo mia mamma o mia nonna, sono le persone che mi riportano a casa anche quando non lo sono. È importante ritrovare casa per curarsi le ferite e poi riuscire con delle nuove consapevolezze e un bagaglio personale più ampio. Più credo e più mi rendo conto che questo non è scontato. Sono fortunato!“, ci ha raccontato l’attore.

L’INTERVISTA A FILIPPO DE CARLI

 

2022-03-15T13:12:06+01:00