Una semplice domanda, Alessandro Cattelan: “Il giudizio degli altri è la tomba della felicità”

'Una Semplice Domanda' - il docu-show in 6 episodi di cui Cattelan è autore e protagonista - debutta il 18 marzo su Netflix

Alessandro Cattelan, tra la sua inconfondibile ironia e sensibilità, ci porta in un nuovo viaggio durante cui cerca di rispondere ad una – apparentemente semplice – domanda di sua figlia Nina: “Papà, come si fa a essere felici?

Da piccolo non facevo tante domande ai miei genitori. All’epoca c’era un altro modo di essere genitori che non era fatto di condivisione o conversazione, ma solo di educazione. Il padre faceva il padre andando a lavorare e ti insegnava come dovevi comportarti. Oggi c’è più voglia di sentirsi amici dei proprio figli“, ci ha raccontato il conduttore e speaker radiofonico durante l’intervista.

Cattelan arriva il 18 marzo su Netflix (e in tutti i 190 Paesi in cui il servizio di streaming è attivo) con un nuovissimo docu-show in sei episodi (da 30 minuti ciascuno), che non vuole dare risposte e non ha nemmeno l’arroganza di insegnare qualcosa. In Alessandro Cattelan: Una Semplice Domanda (prodotto da Fremantle) va alla ricerca, in Italia e all’estero, di risposte per sua figlia onfrontandosi e condividendo esperienze uniche con i suoi compagni di viaggio: Roberto Baggio, Geppi Cucciari, Elio, Francesco Mandelli, Paolo Sorrentino e Gianluca Vialli. 

Con loro Cattelan ha dato vita ad un racconto sugli elementi che caratterizzano la felicità per ognuno di noi, spinto dal desiderio di scoprire di più su che ruolo giochino l’amore, la famiglia, la ricchezza, il dolore e la fede. Lo ha fatto uscendo dallo studio televisivo, con una costruzione originale, sperimentando così esperienze uniche e incontri straordinari.  Ma non saranno solo questi personaggi così rappresentativi a raccontarsi, perché anche Alessandro Cattelan mette a nudo le sue defaillance svelando tutti suoi più reconditi (e curiosi) desideri. Per fare questo ha a disposizione anche un vero e proprio psicoterapeuta.

L’INTERVISTA AD ALESSANDRO CATTELAN

Abbiamo visto i primi tre episodi in anteprima. Il docu-show si apre con l’icona del calcio Roberto Baggio, il “Divin Codino”. Al centro dell’intervista non c’è il calcio. C’è il Baggio lontano dai riflettori, da cori, dalle lacrime dei tifosi emozionati. C’è il Baggio dedito al buddismo, il suo amore per la campagna in sella alla sua Panda, la pace di cui beneficia grazie alla natura che lo circonda e alla sua passione per le anatre, che costruisce in legno e in sughero.

Nel secondo episodio Cattelan prova a rispondere a una domanda: “credere ci rende felici?“. In perfetto stile ‘4 ristoranti’ con Alessandro Borghese, il conduttore chiamerà all’appello 4 religioni. Tra siparietti divertenti e trovate geniali, c’è anche il premio Oscar Paolo Sorrentino, chiamato a dirigere il film della vita di Cattelan. In questa lunga passeggiata, il regista svela come si rapporta alla religione e alla vita in generale. La religione conduce Cattelan ad una prova di coraggio insieme agli ospiti della puntata. Riusciranno i nostri ‘eroi’ a superarla e, soprattutto, riuscirà il conduttore ad abbattere tutte le sue paure?

Infine, nell’ultimo episodio vediamo Cattelan giocare a golf con Gianluca Vialli, un’altra icona del calcio. Tra quelli visti, questo è sicuramente l’episodio più emozionante. Tra racconti del periodo sul campo da calcio e le soddisfazioni conquistate, Vialli arriva ‘come un pugno nello stomaco’ raccontando la malattia, che ha cambiato totalmente il suo modo di vivere e di rapportarsi ai figli.

Cattelan fa centro un’altra volta! Siamo davanti a uno show originale, fresco, divertente, costruito con cura e con un ritmo che non permette di annoiarsi: si passa dalle interviste ai siparietti del conduttore, dalle riflessioni profonde alle battute esilaranti fino ai riferimenti alla cultura pop degli Anni 80 e 90. Un mix di generi e registri che ti fanno venir voglia di proseguire la visione dello show. Qui non si perde tempo con moralismi o pietismi. Una semplice domanda è un viaggio pieno di emozioni che ci fa (ri)scoprire la bellezza della felicità nelle piccole cose, che poi sono quelle che contano! 

GLI EPISODI 

EPISODIO 1 – Come si fa ad essere felici?

Con Roberto Baggio

Alessandro inizia la sua ricerca con la leggenda del calcio Roberto Baggio, che tra le altre cose è buddhista praticante e crea e colleziona oggetti piuttosto insoliti.

EPISODIO 2 – Credere ci rende felici?

Con Paolo Sorrentino

Alessandro mette alla prova ciò in cui crede con il regista Paolo Sorrentino. Se dovesse fare bungee jumping vedrebbe la vita passargli davanti?

EPISODIO 3 – C’è felicità nel dolore?

Con Gianluca Vialli 

Alessandro gioca a golf con Gianluca Vialli, una gloria mondiale del calcio che ha dovuto riconsiderare la propria vita in seguito alla scoperta della malattia. 

EPISODIO 4 – L’amore rende felici?

Con Geppi Cucciari, Eva Cantarella, Danika & Steve (pornoattori)

Ale e Geppi Cucciari partecipano a un campeggio prematrimoniale con coppie fidanzate per capire qualcosa di più sull’amore. Poi Ale incontra le star del porno Danika e Steve.   

EPISODIO 5 – Cos’altro posso desiderare per essere felice?

Con Francesco Mandelli 

Alessandro e Francesco Mandelli trascorrono la notte in un enorme supermercato per scoprire come ci si sente ad avere tutto ciò che si desidera a disposizione.

EPISODIO 6 – Si può imparare ad essere felici?

Con Elio, Mo Gawdat  (imprenditore e scrittore egiziano, ex chief business officer di Google X e autore di ‘Solve for Happy’)

Dopo una lezione dell’esperto di felicità Mo Gawdat, Alessandro riesce ad assaporarne un piccolo secondo in una situazione sorprendente.

IL TRAILER

2022-03-16T13:33:49+01:00