Contest Giornalisti in erba

Contest Giornalisti in erba

La partecipazione è completamente gratuita.

Ogni studente, o classe, può aderire al contest senza alcun limite di invio dei contributi

Modalità di partecipazione

Per partecipare è necessario che ogni istituzione scolastica sia registrata al giornale on line “La scuola fa notizia. Se i giovani la scrivono i giovani la leggono”(lascuolafanotizia.diregiovani.it).

Possono iscriversi tutte le scuole di ogni ordine e grado accedendo alla piattaforma e compilando il form di iscrizione. Una volta compilato, la redazione provvederà ad accettare la richiesta e verrà inviata una mail con le credenziali (nome utente e password).

Le scuole già iscritte possono utilizzare le credenziali già in loro possesso.

Attraverso la piattaforma è possibile pubblicare articoli, foto, video, disegni realizzati dai ragazzi, in questo modo contribuirete a realizzare le edizioni mensili del giornale on line interamente composto dagli articoli delle redazioni scolastiche di tutta Italia.

Modalità di svolgimento

Il concorso avrà cadenza bi-mestrale. Ogni due mesi (in particolare a novembre, gennaio, marzo, aprile) verranno proposti due argomenti sui quali lavorare.

  • Per ogni argomento potranno essere pubblicati articoli, video, fotografie, poesie, racconti e disegni.

  • Ogni studente o gruppo di studenti potrà quindi decidere uno o entrambi i temi proposti.

  • Ogni scuola può partecipare più volte.

Al termine di ogni scadenza verranno comunicati i vincitori. I lavori vincitori verranno diffusi attraverso i canali dell’agenzia Dire.

 

 


Primo mini-contest

 

Dal 2 settembre  2019 al 31 ottobre 2019

Temi da sviluppare:

1- Ambiente

La copertina di maggio del Time dal titolo: “Next Generation Leaders” ritraeva Greta Thunberg, l’attivista svedese. Nell’agosto del 2018 la studentessa ha iniziato lo sciopero scolastico per il clima (Skolstrejk för klimatet) dando il via al movimento “Fridays for Future”. Il 15 marzo 2019 circa 1,4 milioni di alunni provenienti da tutto il mondo hanno manifestato per il cambiamento climatico, lo stesso giorno il giornale ‘The Guardian’ ha pubblicato la lettera scritta dalla giovanissima attivista e rivolta ai giovani: “We, the young, are deeply concerned about our future. […] We are the voiceless future of humanity. We will no longer accept this injustice. […] We finally need to treat the climate crisis as a crisis. It is the biggest threat in human history and we will not accept the world’s decision-makers’ inaction that threatens our entire civilisation. […] Climate change is already happening. People did die, are dying and will die because of it, but we can and will stop this madness. […] United we will rise until we see climate justice. We demand the world’s decision-makers take responsibility and solve this crisis. You have failed us in the past. If you continue failing us in the future, we, the young people, will make change happen by ourselves. The youth of this world has started to move and we will not rest again.” Ogni gesto e ogni contributo è importante per combattere il cambiamento climatico. Raccontaci la tua esperienza quotidiana e le tue idee.

2- Copyright

Vedere serie televisive e film su siti pirata è illegale, comprare vestiti e scarpe contraffatte su siti non ufficiali è illegale, scaricare giochi online su piattaforme non certificate espone il nostro computer a virus. Cos’è la pirateria online? Oggi giorno scaricare contenuti da internet è diventato talmente facile che ci sembra semplicemente di usufruire di un servizio veloce e gratuito. Nella maggior parte dei casi, però, c’è il rischio di infrangere la legge riguardo il copyright. Secondo la legge sul diritto d’autore (Art. 174-ter, legge n. 633/1941) il download di un file protetto da copyright è punibile con una mera sanzione economica: 134 euro, aumentabile fino a 1032 nel caso in cui il materiale scaricato sia ingente. La società Ipsos per conto della FAPAV – Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali ha riscontrato che i download illegali sono diminuiti dell’8% rispetto l’anno scorso, del 14% se comparati ai dati del 2016, ma la pirateria in Italia è ancora del 38%. I film sono il prodotto più richiesto (33%) serie e programmi tv toccano rispettivamente il 21% e il 20%. Tra i fenomeni emergenti c’è la pirateria di eventi sportivi live: quasi 5 milioni di italiani hanno dichiarato di aver visto illegalmente contenuti sportivi live, in streaming sui propri device (computer, tablet, smartphone, smart TV). E tu come utilizzi internet? Quali secondo te potrebbe essere la soluzione per contrastare questi fenomeni? Sei a conoscenza della legge sul diritto d’autore?

3- Bullismo

Per definizione con il termine bullismo si indicano generalmente le prepotenze perpetrate da bambini e ragazzi nei confronti dei loro coetanei. Con l’avvento dell’era digitale questo fenomeno ha preso piede anche tra i social media, diventando appunto, “cyberbullismo”. Il Parlamento italiano ha approvato il 18 maggio 2017 La legge 71/2017, per la prevenzione e il contrasto al cyberbullismo, che prevede misure prevalentemente a carattere educativo/rieducativo. Al centro della legge c’è il ruolo della scuola che dovrà provvedere ad individuare fra i docenti un referente con il compito di coordinare le iniziative di prevenzione e di contrasto del cyberbullismo. La scuola e la famiglia sono pilastri fondamentali per la prevenzione e la lotta al bullismo e al cyberbullismo. Sei d’accordo? Pensi che si potrebbe fare altro?


Premi

I vincitori di ciascun contest riceveranno, a seconda della disponibilità, strumenti di lavoro o buoni spesa in linea con i prodotti realizzati per supportare la creatività e il lavoro dei ragazzi.

Premio redazionale

Oltre ai premi singoli verranno assegnati i premi redazionali per le redazioni che entro il 31 luglio 2020 avranno pubblicato sulla piattaforma La scuola fa notizia un minimo di 200 contributi.

Premiazione

l premi redazionali verranno consegnati nel corso dell’evento annuale La creatività fa scuola organizzato nel mese di novembre a Roma. All’evento verranno invitati anche tutti i vincitori dei mini-contest e le scuole partecipanti al progetto.


Privacy e liberatoria

Gli elaborati multimediali prodotti (foto e video) dovranno essere corredati dal consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della legge N. 196/03 e successive modificazioni e regolamento UE 2016/679 (GDPR) e della liberatoria all’utilizzo del materiale a scopo divulgativo da parte degli autori (ovvero del genitore in caso di minorenne). Il consenso al trattamento dei dati e la liberatoria potranno rimanere agli atti della scuola senza obbligo di invio alla Redazione Diregiovani.

Questioni legali ed etiche

Qualsiasi notifica relativa ad eventuali variazioni sul regolamento verrà pubblicata sul sito web del concorso e sarà valida dalla data della pubblicazione. Tutti i partecipanti devono seguire gli accordi europei sui diritti d’autore. I partecipanti nell’inviare le foto dichiarano di essere gli autori delle foto e come tali di essere i titolari dei diritti esclusivi sui medesimi e di aver ottenuto il consenso alla pubblicazione da parte di eventuali soggetti terzi presenti nelle foto. I partecipanti accettano altresì di non pubblicare qualsiasi tipo di materiale protetto da “copyright” a meno che i diritti di autore non gli/le appartengano. In ogni caso Diregiovani non potrà essere ritenuto responsabile, direttamente ed indirettamente, nei confronti degli utenti e in generale di qualsiasi terzo per eventuali ritardi, imprecisioni, errori, omissioni, danni (diretti, indiretti, conseguenti, punibili e sanzionabili) derivanti dai suddetti contenuti. I contributi inviati non devono contenere affermazioni, fatti, informazioni o citazioni che possono nuocere o danneggiare persone o gruppi di persone o incoraggiare la persecuzione di individui per razza, opinione, nazionalità, sesso, professione o credo. Non devono altresì incoraggiare il crimine o l’infrazione della legge.

Squalifica del progetto

Diregiovani.it può decidere di squalificare un progetto se questo non è stato presentato entro il termine di scadenza, se l’iscrizione è stata effettuata in modo parziale o se il progetto infrange qualsiasi regola della sezione “Questioni legali ed etiche”.

Diritti di riproduzione

Tutti gli elaborati inviati diventano di proprietà di Diregiovani.it che ha il diritto di migliorare, rivedere, ampliare, modificare e riprodurre il materiale ricevuto.

Finalità del portale diregiovani.it

Il concorso è parte dei progetti realizzati da diregiovani.it, per valorizzare la creatività dei giovani, le loro proposte e opinioni. Il concorso mira a contribuire alla diffusione di tutte le potenzialità insite nel mondo giovanile alle quali non viene data la giusta visibilità tentando in tal modo di costruire un modello di riferimento positivo che abbia come obiettivo quello di rendere i giovani consapevoli e artefici del loro futuro. Il portale diregiovani.it diviene così un grande “contenitore” di idee e contributi originali tra i quali, ogni anno, vengono individuati spunti di riflessione e argomenti di discussione – oggetto di approfondimento e dibattiti nel corso di eventi pubblici, manifestazioni e momenti di incontro tra studenti e mondo degli adulti – e tutti i migliori elaborati vengono premiati. Tutti i premi sono simbolici e hanno, dunque, valore di riconoscimento del merito personale e di incoraggiamento alla diffusione di un modello virtuoso tra i ragazzi. Le attività promosse dal portale diregiovani.it sono state accolto con grande favore non solo dai giovani ma anche dalle istituzioni, territoriali e nazionali, tanto che le attività pubbliche realizzate vengono patrocinate, tra gli altri, da Camera dei Deputati, Senato della Repubblica, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Lazio, Comune di Roma e da numerosi ministeri quali il Ministero della salute e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.