ExoMars: le infografiche dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) da stampare

ExoMars_logo

Ancora qualche ora e il momento del primo viaggio europeo con destinazione la superficie di Marte, partirà da Baikonur in Kazakistan. Il Vecchio Continente intraprende l’impresa di raggiungere e studiare il pianeta rosso, con tanto di atterraggio. Succede grazie alla missione ExoMars, nata dal lavoro gomito a gomito dell’Agenzia spaziale europea (Esa) e di quella russa (Roscosmos), con un’importante partecipazione italiana.

Per l’occasione, l’Agenzia Spaziale Europea (Esa), ha rilasciato dei poster che rappresentano una missione senza precedenti.


Exomars a new era of Mars exploration (10)Due missioni, tre sonde. Da sinistra la sonda orbitante, il lander Schiaparelli e il rover che partirà nel 2018. Quest’ultimo sarà dotato di un trapano in grado di raggiungere la profondità di 2 metri.


Ti potrebbe interessare:

ExoMars: ci siamo! tutto pronto a Baikonur, segui la diretta del lancio

ExoMars -1: tutto pronto per la partenza. Le ultime news, la diretta

Spazio: Primo sbarco (europeo e Italiano) su Marte, ExoMars vola sul Pianeta Rosso [VIDEO]

ExoMars -2: Ecco tutta la tecnologia in partenza per il Pianeta Rosso

ExoMars -3: ecco tutto il Made in Italy dello spazio in partenza verso Marte

ExoMars -4: una sfida senza precedenti, l’Europa e l’Italia verso Marte


L’Italia partecipa in maniera importante all’avventura marziana. E’ il Paese a cui l’Esa ha affidato la leadership di entrambe le fasi della missione. Questo significa che l’Italia ha la responsabilità complessiva dell’andamento di Exomars, ma non solo. Il modulo di discesa Schiaparelli è a guida italiana e lo è anche l’atteso ‘trapano’ che perforerà Marte nel 2018, così come il centro di controllo del rover. E non finisce qui. L’industria Made in Italy ha prodotto anche quattro importanti strumenti. Dreams è la stazione meteo che Schiaparelli porterà su Marte. Amelia elaborerà i dati raccolti dai sensori di Schiaparelli durante la sua discesa. Lo strumento Ma_Miss, invece, è uno spettrometro inserito dentro al trapano italiano, che sarà in grado di analizzare l’evoluzione biologica del sottosuolo. Infine, lo strumento Inrri è il microriflettore laser dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). CLICCA QUI’ per la DIRETTA del LANCIO


CLICCA QUI’ per ACCEDERE alla versione stampabile