fotogallery

Risolto il mistero del fiume rosso sangue in Russia: è un disastro ambientale

fiume rosso sangueROMA – Mistero risolto per il fiume rosso sangue che ha catturato l’attenzione pubblica.
Il colore cremisi delle acque del Daldykan è stato causato da una fuoriuscita di materiali chimici del Norilsk Nikel, un impiato metallurgico nei pressi del fiume.
La stessa società ammette, dopo averlo negato per giorni, la sua responsabilità in quello che in molti hanno definito come un disastro ambientale.
A causa delle piogge del 5 settembre scorso che hanno colpito Norilsk, città degli Urali in Siberia, si sono rotti gli argini della diga che contiene le acque dei residui della fabbrica, riversando il contenuto chimico nel fiume.
Da qui il colore rosso sangue.

Il fiume rosso sangue

Sebben la Norilsk Nikel,  il più grande produttore al mondo di nichel e palladio, abbia dichiarato che non ci sono gli estremi per considerarlo un disastro ambientale, non la pensano così le associazioni ambientaliste.
Anche il  Ministero per l’Ambiente russo ha aperto un’inchiesta per verificare i danni.

Il fiume Daldykan si trova vicino Norilsk in Siberia, polo industriale e una delle città più inquinate in Russia.

fiume rosso sangue russiaQuestione di ferro

E’ noto che alcuni tipi di processi di ossidazione ad alta temperatura o pressione trasformino le materie minerali di solfuro in ossido di ferro.
Se mescolati con l’acqua, i rifiuti si trasformano rosso brillante.

Il colore rosso vivo, quindi, è probabilmente dovuto al ferro ossidato contenuto nei rifiuti.
Non è chiaro che tipo di lavorazione del nichel sia stata utilizzata presso l’impianto.

E ‘anche possibile che il minerale trattato per il nichel contenga elevate quantità di ferro, che viene quindi scartato.
In questo caso, i rifiuti ricchi di ferro sarebbero quindi finiti nel fiume, trasformandolo in rosso.
Lo stesso è accaduto più volte a Sudbury, in Ontario, dove una fabbrica di nichel ha colorato di rosso un fiume nelle vicinanze.

Città in pericolo

L’acqua con alte concentrazioni di rifiuti chimici può essere tossica, a seconda di quali tipi di prodotti filtrano e in quali quantità.

Questa non è la prima volta che la città di Norilsk vede il suo fiume diventtare colore rosso.
Come riporta The Guardian, alcuni utenti dei social media hanno ricordato che lo stesso fenomeno è avvenuto lo scorso giugno.

“Mentre le autorità russe indagano, dovrebbero anche assicurarsi che i residenti siano protetti”, dichiara Payal Sampat, direttore del programma minerario Earthworks, un’organizzazione ambientale. “Questa è una zona dove ci sono contadini e pastori, mi auguro che le autorità russe siano in grado di identificare la causa della fuoriuscita e proteggere le comunità che dipendono da questo settore”.

fiume rosso sangue

Il fiume rosso sangue in Slovacchia

Nel 2013 un fiume di Myjava in Slovacchia ha cambiato colore tingendosi di rosso nel giro di una notte.

I superstiziosi locali ritenevano si trattasse di un segno del demonio, un presagio dell’Apocalisse.
Ma esiste, anche in questo caso, una spiegazione plausibile.

Diversi chilometri a monte sul fiume Myjava c’è un mattatoio.
La sua acqua viene pompata in una vasca di contenimento dove viene filtrata prima di essere rilasciata nel fiume.
La polizia ritiene si fosse trattato del sistema di filtraggio difettoso che ha contaminato l’acqua.