tech

Decollo vietato per il Samsung Galaxy Note 7. “Questione di sicurezza”

ROMA  – Ancora brutte notizie per Samsung. Dopo che l’azienda sudcoreana ha fermato definitivamente la produzione e la vendita del Galaxy Note 7, a causa delle esplosioni di alcune batterie, il Dipartimento dei Trasporti statunitense (DOT), ha deciso di vietare il Galaxy Note 7 sugli aerei.

I passeggeri che avranno con sé questo tipo di apparecchio, non potranno quindi imbarcarsi. La misura, che entrerà in vigore da sabato, è stata presa dalle autorità per “questioni di sicurezza”.

samsung-galaxy-note-7-perche-esplodono-2

Galaxy Note 7, solo 35 i casi accertati di esplosione

I casi accertati sono stati solo 35 ma l’azienda ha richiamato 2,5 milioni di Note 7 in dieci mercati. Agli acquirenti sono state proposte sostituzioni ma, per la stessa Samsung, è impossibile sapere quali siano le “partite” di alimentatori difettose. “Non è facile capire se il problema di Samsung sia comune ad altri” ha spiegato Hideki Yasuda, analista dell’istituto di ricerca Ace a Tokyo. “Se i loro fornitori di batterie vendono anche ad altri produttori, è possibile che il problema sia più diffuso”.

Il crollo in borsa

La notizia della sospensione del device da parte di Samsung ha immediatamente avuto ripercussioni in Borsa. Un tonfo che ha trascinato verso il basso l’indice borsistico Kospi del 1,2 per cento.