fotogallery

Gli elefanti stanno mutando: nascono senza zanne per colpa dell’uomo

elefanti senza zanneROMA – Una mutazione causata dall’uomo.
E’ quanto accade agli elefanti, di cui aumenta vertiginosamente il numero di esemplari nati senza zanne.
Non solo i bracconieri hanno ucciso milioni di elefanti africani negli ultimi decenni, riducendo le popolazioni del 90 per cento in alcune aree, ma l’effetto del bracconaggio è diventato così profondo da aver avuto un impatto genetico sugli animali.

Elefanti senza zanne, una rapida risposta evolutiva per la sopravvivenza

Per decenni, i bracconieri hanno costantemente preso di mira i pachidermi come fonte d’avorio, una mattanza che con molta probabilità ha causato l’alterzaione del loro patrimonio genetico.
Come risultato, un numero crescente di elefanti africani sono nati senza zanne.

Il bracconaggio è oggigiorno sotto controllo, e il WWF elenca l’elefante africano come “vulnerabile”: sebbene a rischio di estinzione, la sua popolazione è ancora in crescita.
Tuttavia, i bracconieri co9ntinuano a prendere di mira gli esemplari con zanne più grandi.
Per questo, quasi la metà delle femmine di oltre 35 anni, sopravvissute alla carneficina, ne sono prive, o hanno zanne molto piccole.
Questi esemplari tramandano poi il loro patrimonio genetico alle successive generazioni, portando ad un aumento di elefanti senza zanne.

avorio elefantiIl mercato dell’avorio

Il bracconaggio è alimentato dal grande mercato dell’avorio, soprattutto in Cina e in altre parti dell’Asia, dove è visto come uno status symbol per i “nuovi ricchi”.
I signori della guerra africani e i gruppi militanti fanno a loro volta affidamento sui profitti dal commercio di avorio, che sono diventati una “fonte primaria” del proprio reddito.

Circa un terzo della popolazione di elefanti in Africa è stato abbattuto nel corso dell’ultimo decennio, per soddisfare le richieste in Asia.

Sterminando elefanti per le loro zanne, i bracconieri stanno lasciando solo le popolazioni senza zanne.

Gli elefanti africani sono i più grandi animali terrestri e sono più facilmente distinguibili dai loro cugini, gli elefanti asiatici, per le loro zanne.
I bracconieri uccidono tra i 30.000 e 50.000 elefanti ogni anno.

Le misure anti-bracconaggio

Nel 2016, gli Stati Uniti hanno approvato una serie di duri provvedimenti contro il commercio d’avorio.
Dal 2021 il commercio d’avorio, anche legale, sarà bandito in Cina.

Nel 2016, l’Italia ha annunicato l’abbandono definitivo del commercio di avorio con una cerimonia al Circo Massimo di Roma.

Il commercio internazionale di avorio è illegale dal 1989.