fotogallery

Cassini svela Pan, la strana luna di Saturno a forma di raviolo – FOTO

pan luna di saturno ravioloROMA – E’ stata soprannominata “raviolo” la piccola luna di Saturno immortalata nelle immagini scattate dalla sonda Cassini.
Uno scorcio ravvicinato come mai prima d’ora di Pan, uno dei tantissimi satelliti naturali del pianeta degli anelli.
La sonda della NASA ha fatto un primo approccio a soli 24,5 mila km.
Questa distanza ravvicinata ha permesso di catturare immagini di Pan che rivelano chiaramente la sua geologia e la sua strana forma.

Pan, la luna di Saturno a forma di raviolo

Pan è un piccolo satellite naturale di Saturno di soli 34 km di diametro.
Orbita intorno al pianeta ogni 13,8 ore ad una distanza di 133mila km in una regione conosciuta come Divisione di Encke, uno spazio vuoto presente sull’anello A.

E’ il più interno dei satelliti di Saturno finora conosciuti.
Pan, come luna di Saturno Atlas, ha una cresta equatoriale che gli conferisce una forma distintiva disco volante.

pan luna di saturno raviolo cassini

Il satellite è stato avvistato per la prima volta nel 1990 dal ricercatore del SETI Mark Showalter utilizzando le immagini catturate dalla sonda Voyager 2 nel 1981.

La piccola luna di Saturno deve il nome al satiro Pan, un dio greco della natura e della foresta immaginato come un uomo con le zampe posteriori e gli zoccoli di una capra.

Non solo raviolo.
A causa della sua bizzarra forma, Pan è diventata una celebrità su internet.
E’ stata ribattezzata anche UFO, noce, gnocco e empanada (fagottini di pasta ripieni di carne tipici dell’America Latina).

L’importanza della luna pastore

Pan è una luna pastore, ovvero un satellite naturale che con la sua orbita contribuisce a mantenere stabile l’anello planetario.
E’, infatti, Pan il responsabile dell’assenza di materiale nella Divisione di Enck.
Il divario dell’anello A di Saturno ha un’apertura di 325 km.

La piccola luna Pan nella Divisione di Encke

Orbitando, Pan crea delle “strisce” nel materiale dell’anello su entrambi i lati.
Dal momento che le particelle dell’anello più vicine a Saturno di Pan si muovono più velocemente nelle loro orbite, queste lo sorpassano e ogni volta che lo fanno ricevono un “calcio” gravitazionale dala luna raviolo.
Questo “calcio” fa sì che si sviluppino delle onde nello spazio vuoto e anche in tutto l’anello, esetendendosi per centinaia di chilometri. Queste onde si intersecano creando delle scie, i luoghi dove il materiale dell’anello è ricompattato in modo ordinato grazie al calcio gravitazionale di Pan.