spettacolo

Auguri a Bernardo Bertolucci. Il maestro pluripremiato compie 76 anni

bernardo bertolucciROMA – Buon compleanno Maestro. Bernardo Bertolucci compie oggi 76 anni. Il regista parmigiano nel corso della sua carriera ha saputo far della macchina da presa il miele per il successo sia nel panorama cinematografico internazionale sia in quello nazionale: “Vista l’attrazione che provo per tutto quello che è diverso, io continuo ad avere l’illusione che un giorno le culture si innamoreranno una dell’altra”.

Da queste parole, che spesso il regista ha pronunciato, si evince il suo essere profondo e sognatore che lo ha reso abile nella lettura del tempo corrente, con tutte le contraddizioni, e nella rappresentazione della sua poesia cinematografica senza cliché. Cinematografia che lo ha portato alla vittoria di numerosi premi: tra questi due Oscar- Miglior regia e Miglior sceneggiatura – per “L’ultimo imperatore (The Last Emperor) e, nelle stesse categorie e per la medesima pellicola, due Golden Globe e due David di Donatello. Poi,tra gli altri, nel 2007 e nel 2011, i riconoscimenti alla carriera con il Leone d’Oro a Venezia e la Palma d’Oro onoraria a Cannes.

Bernardo Bertolucci e lo scandalo di Ultimo Tango a Parigi

el_ultimo_tango_en_paris_1972_1

Bernardo Bertolucci ha portato sul grande schermo la rivoluzione con “The Dreamers – I sognatori”, uscito nel 2003, attraverso il mondo medio–borghese del ’68, che è stato un periodo che ha segnato in particolar modo la storia dell’Italia con lo sviluppo di gruppi rivoluzionari nella sfera politica e sessuale. Nove anni dopo, ha condotto il pubblico nell’intimità dei due protagonisti del suo ultimo film “Io e Te”, ripreso dall’omonimo romanzo di Nicolò Ammaniti.

Negli anni ’70 Bertolucci usciva con “Ultimo tango a Parigi” un film che fece scandalo. Protagonisti Marlon Brando e Maria Schneider ‘accusati’ di oltrepassare la soglia del senso comune del pudore della società dell’epoca.

Scene estremamente proibitive per l’epoca che diedero scandalo in Italia, dove nel 1976 la pellicola fu condannata alla distruzione.
Riabilitato nel 1987, 11 anni dopo la condanna, Ultimo tango a Parigi continua ancora oggi a sollevare numerose polemiche, in particolare per la celebre scena del burro.
Il film, non per questo, non fu apprezzato e riconosciuto da subito come un capolavoro che lo portò a due candidature agli Oscar e ai Golden Globe.