libri

Bacio feroce, il nuovo attesissimo romanzo di Roberto Saviano

Bacio feroceROMA  – “Il 12 ottobre uscirà il mio nuovo romanzo, ‘Bacio feroce’ (Feltrinelli). Ho deciso di dare al tour per la presentazione del libro una connotazione particolare. A ogni tappa nelle varie città sarò presentato da ragazze e ragazzi nati o cresciuti in Italia ma senza cittadinanza italiana perché figli di genitori stranieri”. Così, su Facebook, Roberto Saviano annuncia la sua ultima fatica letteraria.

Bacio feroce, battaglia culturale per lo Ius soli

“Ho scelto di fare questo – spiega – come vera e propria battaglia culturale e sono felice che le librerie, spazio culturale per eccellenza, possano accogliere una battaglia per lo Ius soli. Aprire le librerie a tutto questo significa invitare ogni singolo cittadino ad ascoltare la vita di questi ragazzi. A comprendere quanto tutti noi stiamo perdendo rinunciando allo Ius soli”.  “Questi giovani prima o poi riusciranno a realizzare i loro sogni e ad esprimere i loro talenti, e magari saranno costretti a farlo da un’altra parte, all’estero. Perché farli andare via dopo che sono stati formati in Italia? Dopo che hanno investito le loro vite in Italia?

I giovani italiani emigrano continuamente per trovare lavoro e possibilità di lavorare con dignità. Non Bacio ferocepossiamo permettere che avvenga una seconda emigrazione solo per l’ottusità razzista di un Paese che non comprende quanto lo Ius soli significhi ricchezza”. “Portare nelle librerie la battaglia per lo Ius soli – sottolinea Saviano – vuole essere da sprone a cambiare il passo culturale del Paese. Una risposta al teppismo di Matteo Salvini, della Lega e di grossa parte dell’opinione pubblica italiana, che crede che concedere questo diritto significhi rovinare la propria quotidianità, avvelenare le strade italiane. Tutte balle”.

Bacio feroce, i ragazzi e le periferie del sud del mondo

“In ‘Bacio feroce‘- conclude – racconto come le nuovissime generazioni, in molte periferie del mondo, vivano nella certezza che non avranno un futuro e che rischiare la vita sia l’unica occasione per combinare qualcosa. L’unica occasione per essere ricordati, tanto il futuro non c’e’ più. Sono convinto che la strada del diritto e della conoscenza sia l’unica possibile per smontare questo meccanismo mortale”.

Bacio feroce la quarta di copertina

Sigillano silenzi, sanciscono alleanze, impartiscono assoluzioni e infliggono condanne, i baci feroci. Baci impressi a stampo sulle labbra per legare anima con anima, il destino tuo è il mio, e per tutti il destino è la legge del mare, dove cacciare è soltanto il momento che precede l’essere preda. La paranza dei Bambini ha conquistato il potere, controlla le piazze di spaccio a Forcella, ma da sola non può comandare. Per scalzare le vecchie famiglie di Camorra e tenersi il centro storico, Nicolas ’o Maraja deve creare una confederazione con ’o White e la paranza dei Capelloni. Per non trasformarsi da predatori in prede, i bambini devono restare uniti. Ed è tutt’altro che facile.

Ogni paranzino, infatti, insegue la sua missione: Nicolas vuole diventare il re della città, ma ha anche un fratello da vendicare; Drago’ porta un cognome potente, difficile da onorare; Dentino, pazzo di dolore, è uscito dal gruppo di fuoco e ora vuole eliminare ’o Maraja; Biscottino ha un segreto da custodire per salvarsi la vita; Stavodicendo non è scappato abbastanza lontano; Drone, Pesce Moscio, Tucano, Briato’ e Lollipop sono fedeli a Nicolas, però sognano una paranza tutta loro… Fra contrattazioni, tradimenti, vendette e ritorsioni, le vecchie famiglie li appoggiano per sopravvivere o tentano di ostacolarli, seminando discordia direttamente in seno alle paranze. Una nuova guerra sta per scoppiare?

Prosegue il ciclo della Paranza dei bambini e Roberto Saviano torna a raccontare i ragazzi dei nostri giorni feroci, nati in una terra di assassini e assassinati, disillusi dalle promesse di un mondo che non concede niente, tantomeno a loro. Forti di fame. Forti di rabbia. Pronti a dare e ricevere baci che lasciano un sapore di sangue.