spettacolo

DiscoDays, a Napoli la Fiera del Disco e della Musica

NAPOLI – Apre i battenti oggi, sabato 7 ottobre, per concludersi domani, domenica 8 ottobre, la XIX edizione del DiscoDays. Una due giorni dedicata a dischi, memorabilia, showcase, mostre, editoria, incontri e premi. Insomma, una full immersion nel mondo della musica.

DiscoDays, a Napoli la Fiera del Disco e della Musica

DiscoDays è la fiera del Disco che si svolge a Napoli da nove anni. La manifestazione, giunta alla 19esima edizione, nel corso degli anni si è consolidata come un appuntamento di riferimento per tutti gli appassionati musicali e addetti ai lavori. Una due giorni musicale con una particolare formula che prevede, oltre alla vendita di vinili e Cd, esibizioni live, mostre esclusive di memorabilia, premiazioni e mostre fotografiche.

La fiera rivede il format ‘mostra mercato’ evidenziando il concetto, nonché il processo, culturale che appartiene al mondo del Vinile, fatto di appassionati ‘veri’, ascoltatori raffinati e fans della prima ora pronti ad investire le economie per un bene che a tutti gli effetti possiamo considerare di lusso. La conservazione e la diffusione della cultura della musica, e per la promozione del suo ascolto, ha molteplici contenuti artistici e culturali: mostre fotografiche, mostre di cover album, rarità discografiche, dj set con i giradischi e incontri con gli artisti fanno da sfondo a momenti di crescita come dibattiti, presentazioni di libri, premiazioni e showcase live.

DiscoDays, tra incontri e performance musicali

Tra gli ospiti musicali di questa XIX edizione: Ivan Granatino, Fitness Forever, The Noiserz, I Pennelli di Vermeer e tanti altri. Tra le mostre, di sicuro interesse quella dedicata a Mogol. Questi in sintesi i numeri del DiscoDays:  50 espositori da tutta Italia, oltre 100.000 tra vinili e cd in vendita, 12 Live, 4 mostre e 3 premiazioni. Sul sito ufficiale della manifestazione tutti gli appuntamenti. Noi segnialiamo:

DiscoDays, il nuovo album di Ivan Granatino

Ingranaggi è il nuovo progetto discografico del cantante Ivan Granatino che arriva dopo 2 anni dal progetto “Pare mo”. È il primo pubblicato dalla sua etichetta indipendente Napule Allucca, distribuito da Believe italia. L’ album si divide in ingranaggi rossi, che rappresentano le canzoni in napoletano, e in quelli blu che rappresentano le canzoni in italiano. Ingranaggi è un disco pop con tanti accenni di elettronica che rendono alcuni brani ballabili, quasi dance, senza dimenticare il rap che però in questo disco lascia molto spazio alle strofe cantate.

DiscoDays,  l’album “Rino Zurzolo è”

“Un uomo, un musicista, un artista. Tre parole che definiscono una personalità fuori dall’ordinario. Il nostro unico compito è di ascoltare. E non dimenticare”. Dopo la sua prematura scomparsa è la label Suoni del Sud a pubblicare una compilation composta da brani live con la partecipazione di suoi amici storici.  Del cuore di Napoli diceva: “E’ il disordine infinito e cerco di ricrearne l’incanto”.

Un’attività che in 27 anni lo ha portato a incidere cinque dischi uno dei quali, l’ultimo, dal vivo. In questo senso spiccano le collaborazioni con Gianluigi Di Franco, James Senese, Enzo Gragnaniello, Andrea Parodi, Riccardo Zappa, Tullio De Piscopo, Francois Chassagnite, Elisabetta Serio, Ciccio Merolla, Valentina Crimaldi che si concludono con una struggente e intensa versione di “Anna verrà” con Joe Amoruso al pianoforte. Interverranno alla presentazione molti amici di Rino tra cui la moglie Valentina Crimaldi e i musicisti Ciccio Merolla, Elisabetta Serio, il critico Alfredo D’Agnese e il fratello Marco Zurzolo. Presenta Carmine Aymone.

DiscoDays “Mogol: musica e poesia” a cura di Daniele Sgherri

Giulio Rapetti, in arte Mogol, è autore di numerosissimi testi, moltissimi successi. Quando si parla della cosiddetta professione di “paroliere” si pensa subito, quasi fosse un sinonimo, al nome di Mogol. Raccontare la sua carriera artistica vuol dire intraprendere un viaggio affascinante e interminabile nella storia della musica leggera italiana. Mogol rappresenta il più importante autore di liriche che la nostra musica abbia mai conosciuto e i suoi testi hanno segnato, emozionando e affascinando intere generazioni.